Moscovici: Debito al 140% di Pil? Al 130% è già tanto

Bruxelles (Belgio), 16 mag. (LaPresse) – “Per noi il 130% è già tanto. Le discussioni che abbiamo avuto con il governo italiano a dicembre sono state lunghe, non facili, ma costruttive, e si sono basate precisamente sull’idea che il debito avesse raggiunto un picco ed è sulla base di queste discussioni che si è arrivati a un accordo. Non c’è alcuna ragione di pensare diversamente”. Lo dichiara il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici, arrivando all’Eurogruppo, a chi gli chiede in merito alle parole del vicepremier italiano, Matteo Salvini, sul debito al 140%. “Valuteremo la compliance dei conti pubblici italiani dopo il voto europeo nell’ambito del semestre Ue, siamo pronti a tenere conto dei risultati del 2018 e di quanto già fatto nel 2019”, continua il commissario. In merito allo spread, prosegue Moscovici, “non commento i movimenti di mercato, ma quello che so è che ci sono state delle dichiarazioni recentemente che possono aver creato movimenti. Non commenterò perché non voglio creare una occasione di controversia con alcuno”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, dopo la sfilata la Festa prosegue nelle piazze

ROMA - La Festa della Repubblica, terminata la sfilata con il tricolore portato dai paracadutisti, prosegue a via Cavour. Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano si concede per una foto con dei bambini e una famiglia, Vittorio Sgarbi stringe mani. "Dovremmo amare di più la nostra Patria- dichiara alla Dire un'insegnante che sta camminando verso

Luigi Di Maio è già al lavoro come rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo

Dovrà approfondire il partenariato con i Paesi della regione Bruxelles, 2 giu. (askanews) – L'ex ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio è al lavoro da ieri nel suo nuovo ruolo di Rappresentante speciale dell'Ue per la regione del Golfo. Lo ha riferito oggi a Bruxelles il portavoce per la Politica estera della Commissione europea

2 giugno, La Russa: “Teniamo alti i valori della democrazia, della libertà e della sovranità della Patria”

ROMA - "Buona festa della Repubblica", dice il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ai cronisti. Suona l'inno di Mameli, cantano i militari schierati e le tante persone che affollano piazza Venezia. Le massime autorità della Repubblica portano il loro saluto al Milite Ignoto. È il preludio alla consueta parata del 2 giugno con cui