PoliticaPresse, domani alle 15 l’intervista ad Antonio Tajani

Torna l’appuntamento con PoliticaPresse. Mercoledì 8 maggio alle 15 è il turno del presidente del Parlamento europeo e vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, che risponderà alle domande del direttore Vittorio Oreggia e di Donatella Di Nitto.

Dopo il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino, la leader di Civica Popolare ed ex ministra della Salute Beatrice Lorenzin, il capogruppo M5S alla Camera Francesco D’Uva, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, Maurizio Martina (Pd), il sottosegretario Vito Crimi (M5s), la vicepresidente della Camera Mara Carfagna (Fi), il senatore Matteo Richetti (Pd), la sottosegretaria al Mef Laura Castelli (M5s) il deputato e candidato alle primarie Francesco Boccia (Pd), il capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio, l’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, il senatore espulso dal M5s Gregorio De Falco e il sottosegretario al Lavoro in quota Lega Claudio Durigon, PoliticaPresse riapre le porte della redazione con gli uomini e le donne della politica italiana. L’intervista sarà trasmessa in diretta sul sito e sulla pagina Facebook di LaPresse.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Morbillo, malattia tra le più contagiose: ecco perché preoccupa aumento casi

(Adnkronos) - "L'aumento dei casi di morbillo preoccupa. Parliamo infatti di una delle malattie infettive più contagiose in assoluto: da un caso se ne possono generare 16". Così all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, professore emerito di Malattie infettive e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), che sulla nuova variante recentemente isolata

Omicidio sul lavoro? Gli avvocati: “Basterebbe aggravante specifica”

BOLOGNA – “Un nuova fattispecie di reato non nasce dalla cronaca e non deve servire a placare il popolo che grida ‘giustizia’, ma nasce dalla consapevole necessità di una particolare esigenza punitiva dello Stato valutati molteplici fattori nei quali non rientra il battage mediatico su un accadimento, quand’anche sia di particolare importanza”. Così Giampaolo Di

La Lega salva la vecia, i Panevin e gli altri falò tradizionali: “Stop a polemiche ambientaliste”

VENEZIA – Falò storici salvati dalla stretta antismog. “Brusar la vecia, una tradizione secolare padovana e veneta che non deve andare dispersa con la scusa dell’inquinamento e dello smog“. E dunque “bene ha fatto la Lega a inserire e approvare, all’interno della legge, che ha ricevuto il via libera ieri dalla Camera, ‘sulla salvaguardia delle