Sgravi fiscali per chi ritorna

Dal 2020 incrementata dal 50% al 70% la percentuale di riduzione del reddito imponibile per i lavoratori, di ogni tipo, che rientrano nel medesimo anno dall’estero. Durata del regime fiscale di favore incrementato a sei anni, rispetto ai quattro previsti, per i docenti e i ricercatori che trasferiscono in Italia la propria residenza. Estensione, infine, del regime per i lavoratori anche a coloro che avviano, dal medesimo periodo d’imposta e per effetto del rientro in Italia, un’attività d’impresa. Con l’art. 5 del dl 34/2009 (cosiddetto «Decreto crescita»), il legislatore introduce e amplia la portata di alcune disposizioni destinate a favorire il cosiddetto «rientro dei cervelli» (ma non è proprio così), di cui agli articoli 16, digs. 147/2015 («lavoratori impatriati») e 44, dl 78/2010 («docenti e ricercatori residenti all’estero»). L’ art. 5 interviene, in modifica, sulle agevolazioni destinate a favore dei lavoratori e dei docenti che, residenti all’estero, rientrano in Italia a partire dal periodo successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore del provvedimento in commento; quindi che rientrano nel nostro paese dall’anno 2020. Si ricorda che il digs 147/2015 ha previsto un’agevolazione temporanea per il rientro dei lavoratori dall’estero che risultavano residenti all’estero nei cinque periodi d’imposta precedenti e che si impegnavano a permanere ßç Italia per almeno due anni, con la previsione di una concorrenza parziale (50%) alla formazione del reddito imponibile, senza che fosse necessaria alcuna condizione particolare (rapporto di lavoro con azienda nazionale, elevata qualificazione e/o specializzazione e quant’altro). Con riferimento ai docenti e ai ricercatori, l’art. 44 del digs 78/2010 ha previsto una specifica agevolazione, consistente nell’esclusione da tassazione diretta del 90% degli emolumenti percepiti da docenti e/o ricercatori che, in possesso di un titolo universitario e/o equiparato e a determinate condizioni, vengono a svolgere la propria attività sul territorio italiano (cire. 4/E/2011). Le disposizioni del decreto competitività sostituiscono in buona parte quelle appena richiamato prevedendo, innanzitutto, per i lavoratori in rientro, l’inserimento nell’agevolazione dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e l’incremento dal 50 al 70% della riduzione dell’imponibile soggetto a tassazione diretta. Eliminato, sempre per questi soggetti, le due condizioni concernenti, la prima, che l’attività lavorativa sia svolta presso un’impresa collocata sul territorio e, la seconda, che i lavoratori rivestano ruoli direttivi o siano m possesso di requisiti di elevata qualificazione e/o specializzazione; è sufficiente che i detti lavoratori non siano stati residenti in Italia nei due periodi d’imposta precedenti. Non solo. L’intervento sul comma 1-bis, del citato art. 16 prevede che le agevolazioni siano estese ai redditi prodotti da questi lavoratori in rientro anche se avviano un’attività d’impresa a partire dall’1/1/2020 e s’introducono maggiori agevolazioni fiscali per ulteriori cinque anni, in presenza di talune condizioni. Con riferimento al regime agevolato per docenti e ricercatori residenti all’estero che desiderano rientrare in Italia, si prevede, innanzitutto, un allungamento della durata dell’agevolazione da tre, attualmente previsti, a cinque periodi successivi al rientro, con estensione a setto sempre successivi al trasferimento (quindi otto in totale) in presenza di figli minorenni o a carico e se proprietari di un’unità abitativa sul territorio, nonché dieci successivi (quindi undici) con almeno due figli minorenni o a carico, arrivando addirittura a dodici periodi d’imposta successivi al trasferimento (quindi tredici), in presenza di almeno tre figli minorenni o a carico, anche in affido preadottivo.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Distrutta in Ucraina la diga sul Dnipro, migliaia di persone in fuga dalle città allagate

Evacuazioni proseguono anche oggi: interessati circa 40.000 residenti Roma, 7 giu. (askanews) – Migliaia di persone sono fuggite da città e villaggi pesantemente allagati dopo l'esplosione alla diga di Nova Kakhovka sul fiume Dnipro, nella regione ucraina di Kherson, e si teme che il livello dell'acqua possa aumentare ulteriormente nelle prossime ore. Le evacuazioni di

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell'Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L'estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi patrocinato dal Comune di Milano all'insegna di