All’estero con il commercialista

Commercialisti protagonisti dell’internazionalizzazione e del supporto alle imprese. È quanto emerso nel corso del forum “Le aziende molisane e l’internazionalizzazione”, promosso dall’Ordine dei commercialisti di Isernia. “I commercialisti sono parte integrante delle aziende e sempre più imprese comprendono il ruolo dei professionisti, guardando a loro non solo come fiscalisti ma come veri e propri aziendalisti. Oggi come oggi i commercialisti e gli esperti contabili sono sempre più vicini al mondo dell’imprenditoria e sono anzi parte integrante dell’azienda stessa”, ha commentato Luigi Pagliuca, presidente della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri.

“Solo comprendendo il presente sarà possibile non perdere l’appuntamento con il futuro. Non è un bel periodo per il nostro Paese: la produzione industriale è ridotta ai minimi termini, i consumi delle famiglie sono in calo da anni e le aziende chiudono. Sulla competitività del ‘Sistema Paese’ spetta alla politica operare; sulla natura del nostro sistema produttivo invece c’è molto da lavorare: tocca al professionista – ha spiegato il numero uno della Cnpr – mettere il suo bagaglio di competenze a disposizione dell’imprenditore per colmare le lacune presenti nelle piccole e medie imprese, che difficilmente possono avere nel proprio organico un manager di elevata capacità ma potranno sicuramente contare su un professionista in grado di coadiuvarlo nella strategia delle scelte aziendali”.

Secondo Alberto Santolini, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Isernia, “in questo momento di crisi nazionale è giusto guardare ai mercati esteri. Cerchiamo di dare i giusti input alle aziende con professionisti qualificati che li aiutino nell’esportazione verso altri mercati: conta molto far capire alle imprese che ci sono altri sbocchi. È importante pertanto che i professionisti possano informarsi sulla legislazione fiscale estera e creino nuovi contatti, che sono fondamentali per operare nel paese target. Bisogna far cambiare mentalità alle imprese: non c’è solo l’Italia ma anche l’estero”.

Della medesima opinione il presidente della Regione Molise Donato Toma: “Le piccole, medie e microimprese molisane devono guardare oltre i loro confini. Il nostro è un mercato piccolo perché siamo 300mila abitanti, e quindi i consumi non sono equiparabili a quelli delle regioni più grandi. Da qui la necessità di rivolgersi a mercati extraregionali ed extranazionali. La Regione su questo fronte è di supporto, con tante diverse iniziative che vanno incontro alle istanze delle imprese molisane”. “Le grande aziende – ha continuato il Governatore – sono strutturate, le piccole no: il loro ufficio estero spesso è rappresentato dal professionista che li accompagna durante tutta la loro vita, ossia il commercialista, che deve quindi dotarsi di quegli strumenti formativi tali da poter accompagnare le imprese mentre escono fuori dai nostri territori”.

“Il processo di internazionalizzazione sarà ben gradito a imprese e professionisti – ha sottolineato Giovanni Gerardo Parente, presidente Aicec – Ci adoperiamo perché questo percorso raggiunga tutte le regioni di Italia. Ogni anno organizziamo missioni all’estero per fare sì che le aziende e i professionisti possano toccare con mano quelle che sono le differenti esigenze dei territori dove le imprese vogliono portare i loro prodotti, accompagnandoli in questo percorso conoscitivo. Imprese e professionisti possono così toccare con mano le realtà dove intendono investire, rendendosi conto delle differenti abitudini. Non basta portare il loro prodotto all’estero: si devono conoscere le abitudini dei luoghi, i modi di fare, di agire e di interfacciarsi con le persone. Per l’internazionalizzazione è molto importante conoscere le abitudini dei luoghi dove intendi investire, perché questo crea un vantaggio competitivo. Per questo motivo preferiamo portare i partner sui luoghi”.

“Poi è chiaro – ha concluso – che si devono conoscere le dinamiche, la contrattualistica, la fiscalità del paese target. Noi di Aicec lavoriamo proprio per questo, per tanto invito tutte le imprese ad a cogliere queste opportunità”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Attacco Iran su Israele, Idf: “Intercettato 99% droni e missili”. Meloni convoca G7

(Adnkronos) - Il 99% dei missili e droni lanciati contro Israele è stato intercettato. A riferirlo una fonte delle Forze di difesa israeliane a Ynet. L'Idf ha poi confermato che c'è un unico ferito in seguito all'attacco iraniano: una bambina di 10 anni di un villaggio beduino nel deserto del Negev, ferita da una scheggia.

L’Iran attacca Israele, Usa cercano di evitare escalation

Nessuna vittima, ma Netanyahu tentato da rappresaglia Roma, 14 apr. (askanews) – Il temuto attacco iraniano a Israele è arrivato: un attacco essenzialmente dimostrativo, che non ha causato vittime immediate ma rischia di innescare una spirale di rappresaglie che porterebbe a una inevitabile escalation nella regione – l'incubo di un'Amministrazione Biden alle prese con il

Iran attacca Israele, missile intercettato – Video

(Adnkronos) - L'Iran attacca Israele e il sistemi di difesa aerea dello stato ebraico intercettano un missile nei cieli di Maale Adumim, nell'area di Gerusalemme.