Ex Ilva, i sindacati dopo il tavolo al Mise: “Incontro deludente”

Si è concluso con un nulla di fatto il tavolo convocato al Mise sull’ex Ilva tra governo, azienda e sindacati. Al termine dell’incontro sono stati proprio questi ultimi a fare il punto della situazione. “L’incontro non ha dato la risposta alla domanda principe: se non sappiamo come finisce la partita sull’immunità da cui il sindacato è escluso tutto il resto è bloccato”, ha dichiarato Francesca Re David, segretaria generale della Fiom-Cgil. Un incontro “deludente”, lo ha invece definito il segretario Generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli che ha poi aggiunto: “L’azienda non ha dimostrato alcuna volontà di ritirare la procedura di cassa integrazione e non ha neanche sciolto il nodo se i lavoratori alla fine delle 13 settimane rientreranno tutte quante in azienda”. Secondo Rocco Palombella, segretario generale Uilm, il confronto “ha fatto emergere anche grandi contrasti sulla continuità produttiva”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ucraina, Consiglio Ue: “Fornire difesa aerea, urgente invio missili e munizioni”

(Adnkronos) - "Il Consiglio europeo sottolinea il bisogno di fornire con urgenza sistemi di difesa aerea all'Ucraina e di velocizzare e intensificare l'invio di tutta l'assistenza militare necessaria, inclusi munizioni per l'artiglieria e missili. Invita il Consiglio, in particolare nel prossimo summit, e gli Stati membri ad assicurare il necessario seguito". E' quanto si legge

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere Bruxelles, 17 apr. (askanews) – Il giorno dopo il discorso di Mario Draghi a Bruxelles, con la richiesta di un "cambiamento radicale" dell'Unione europea, fa discutere la possibilità di un incarico di vertice – Consiglio europeo o Commissione – per l'ex banchiere centrale e primo ministro.

Porta un morto in banca: “E’ mio zio, deve farmi un prestito”

(Adnkronos) - Porta un morto in banca e prova a far firmare il cadavere per ottenere un prestito di 3000 euro. E' la surreale vicenda che in Brasile coinvolge una donna, Erika de Souza Vieira, arrestata a Rio de Janeiro. La donna si è presentata in una banca della zona di Bangu con un uomo