FI, Toti: Senza primarie mie dimissioni sul tavolo. Farsa è durata troppo

Roma, 31 lug. (LaPresse) – ” Tra i tanti veleni c’è l’accusa di tradimento, di disimpegno. Invece ho accettato la nomina a coordinatore, ho fatto le mie proposte, ho chiesto a FI di superare se stessa. Ho chiesto che la classe dirigente che ha contribuito al declino fosse per lo meno congelata, e invece sono tutti al suo posto: ‘Meno siamo, meglio stiamo’. Ho chiesto primarie aperte, ho chiesto cose banali, ma l’inizio di un percorso per costruire un partito aperto in cui nessuno si sente escluso. Però tutto questo è diventato qualcosa di eversivo, di primarie non se ne può parlare, di congresso solo a settembre. Io accettato la carica di coordinatore di questo partito solo per fare le primarie. Se questo non sarà non intende essere complice della disfatta di una storia gloriosa. Le mie dimissioni sono già sul tavolo”. Lo ha detto il coordinatore di FI Giovanni Toti, nel corso di una diretta Facebook. “Io domani andrò al tavolo delle regole – ha aggiunto – e ripeterò le stesse cose. Se nulla cambierà io credo che questo coordinamento sia inutile, doveva durare solo pochi mesi. Questa farsa è durata anche troppo. Non vogliamo cambiare? Io non sarò complice”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ucraina, Consiglio Ue: “Fornire difesa aerea, urgente invio missili e munizioni”

(Adnkronos) - "Il Consiglio europeo sottolinea il bisogno di fornire con urgenza sistemi di difesa aerea all'Ucraina e di velocizzare e intensificare l'invio di tutta l'assistenza militare necessaria, inclusi munizioni per l'artiglieria e missili. Invita il Consiglio, in particolare nel prossimo summit, e gli Stati membri ad assicurare il necessario seguito". E' quanto si legge

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere Bruxelles, 17 apr. (askanews) – Il giorno dopo il discorso di Mario Draghi a Bruxelles, con la richiesta di un "cambiamento radicale" dell'Unione europea, fa discutere la possibilità di un incarico di vertice – Consiglio europeo o Commissione – per l'ex banchiere centrale e primo ministro.

Porta un morto in banca: “E’ mio zio, deve farmi un prestito”

(Adnkronos) - Porta un morto in banca e prova a far firmare il cadavere per ottenere un prestito di 3000 euro. E' la surreale vicenda che in Brasile coinvolge una donna, Erika de Souza Vieira, arrestata a Rio de Janeiro. La donna si è presentata in una banca della zona di Bangu con un uomo