Migranti, Centinaio: “Muro al confine sloveno? Fedriga tutela la sua Regione”

“Il problema è che il presidente Fedriga si ritrova al confini del Friuli Venezia Giulia ondate di persone e in questo momento la situazione sta diventando abbastanza ingestibile. Di conseguenza, è logico che lui, da presidente di Regione, sta cercando di tutelare gli interessi della regione ma anche gli interessi dell’Italia”. Così il ministro leghista dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, a proposito della possibilità di costruire un muro al confine con la Slovenia, parlando con i cronisti a Roma. A chi gli chiedeva se è ipotizzabile la realizzazione di un muro lungo 243 chilometri, l’esponente del Carroccio ha replicato: “Quella è la nostra proposta. È normale che, come sempre, quando si dice di no a una cosa, mi si dia l’alternativa. Non posso dire no e non facciamo niente, vediamo il M5S che alternativa ci trova”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Del Piero: “Allegri e la Juve? Non mi metto in mezzo, lasciamo decidere chi deve”

(Adnkronos) - Massimiliano Allegri e la Juventus saranno ancora insieme? "Lungi da me da mettermi in mezzo a queste cose in questo momento. Io ho parlato spesso di Allegri, della Juve, ultimamente io penso che le cose siano abbastanza visibili, in un verso o nell'altro, a seconda del modo in cui si vogliono vedere le

Le nuove generazioni: “L’Italia è multiculturale, ma le istituzioni non la rappresentano”

PRATO – “Le istituzioni si devono fidare di una società che è poco rappresentata“: quella degli italiani di origine straniera e con background migratorio. Una società che “esiste, vive, svolge tante professioni, studia, ma non può essere rappresentata o candidata perché non ha la cittadinanza”: a lanciare l’appello all’agenzia Dire è Siid Negash, consigliere comunale

Incoronata Boccia a ‘Che sarà’: “L’aborto è un delitto e non un diritto”

ROMA – Non solo Scurati. Durante la trasmissione di Serena Bortone, ‘Che sarà’ andata in onda ieri sera, è scoppiato anche un altro caso. Al centro delle polemiche, l’intervento della vicedirettrice del Tg1, Incoronata Boccia, che in merito all’applicazione della legge 194, ha definito l’aborto “un delitto e non un diritto”. Un intervento, quello di