Covid, Bassetti: “Ministero della Salute in ritardo su varianti”

ROMA – “Ci sono numerose varianti, le tre più note sono l’inglese, la brasiliana e la sudafricana. La prima sembra essere neutralizzata correttamente dal vaccino. Mentre le altre due non garantiscono di essere reinfettati né abbiamo certezza che il vaccino abbia efficacia contro di esse. Il tema però è: perché il ministero della Salute non ha spinto a sufficienza per il sequenziamento delle varianti? Sono mesi che ne parliamo, il problema quindi non si pone ora ma si poneva già mesi fa”. Così Matteo Bassetti, direttore di malattie infettive del San Martino di Genova, intervenendo su ‘L’aria che tira’ su La7.

LEGGI ANCHE: Sudafrica, Astrazeneca ‘inefficace’ contro variante: governo blocca vaccinazione

“Ciò che sta succedendo nel nostro Paese è abbastanza surreale- continua Bassetti- non esistono vaccini di serie A o di serie B. C’è stata una cattiva informazione su questo, non dobbiamo confondere il livello di efficacia con la protezione della popolazione. I vaccini, tutti quelli che abbiamo a disposizione, sono validi affinché si riducano e si neutralizzino ospedalizzazioni e sviluppo grave della malattia, in molti casi anche l’insorgere della malattia. Tutti e tre i vaccini nella nostra disponibilità. Pfizer, Moderna e AstraZeneca garantiscono la protezione dalla forma della malattia al 100%”.

L’articolo Covid, Bassetti: “Ministero della Salute in ritardo su varianti” proviene da Dire.it.

“”

ROMA – “Ci sono numerose varianti, le tre più note sono l’inglese, la brasiliana e la sudafricana. La prima sembra essere neutralizzata correttamente dal vaccino. Mentre le altre due non garantiscono di essere reinfettati né abbiamo certezza che il vaccino abbia efficacia contro di esse. Il tema però è: perché il ministero della Salute non ha spinto a sufficienza per il sequenziamento delle varianti? Sono mesi che ne parliamo, il problema quindi non si pone ora ma si poneva già mesi fa”. Così Matteo Bassetti, direttore di malattie infettive del San Martino di Genova, intervenendo su ‘L’aria che tira’ su La7.

LEGGI ANCHE: Sudafrica, Astrazeneca ‘inefficace’ contro variante: governo blocca vaccinazione

“Ciò che sta succedendo nel nostro Paese è abbastanza surreale- continua Bassetti- non esistono vaccini di serie A o di serie B. C’è stata una cattiva informazione su questo, non dobbiamo confondere il livello di efficacia con la protezione della popolazione. I vaccini, tutti quelli che abbiamo a disposizione, sono validi affinché si riducano e si neutralizzino ospedalizzazioni e sviluppo grave della malattia, in molti casi anche l’insorgere della malattia. Tutti e tre i vaccini nella nostra disponibilità. Pfizer, Moderna e AstraZeneca garantiscono la protezione dalla forma della malattia al 100%”.

L’articolo Covid, Bassetti: “Ministero della Salute in ritardo su varianti” proviene da Dire.it.


Continua a leggere la notizia

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Energia, Schifani col ministro Urso alla 3Sun di Catania

"Parte della produzione da rinnovabili rimanga in Sicilia" Roma, 12 feb. (askanews) – "Il mio auspicio è che gran parte dell'energia che verrà prodotta in Sicilia da fonti rinnovabili resti a disposizione della nostra Isola". Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani questa mattina in occasione della visita alle linee produttive della

Martinenghi argento nei 100 rana ai Mondiali di nuoto

Terza medaglia di fila in tre mondiali diversi per l'azzurro Roma, 12 feb. (askanews) – Nicolò Martinenghi conquista la medaglia d'argento nei 100 rana ai Mondiali di nuoto di Doha. La gara è stata vinta dallo statunitense Nic Fink, che ha dominato fin dall'inizio chiudendo la prova in 58″57. L'italiano ha ottenuto il secondo posto

Stellantis produrrà motori elettrici (Edm) in Ungheria dal 2026

A Szentgotthard. Investimento di 103 mln con governo ungherese Milano, 12 feb. (askanews) – Stellantis intende aumentare la capacità produttiva di moduli di propulsione elettrica o Edm avviandone la produzione anche nell'impianto di Szentgotthard, in Ungheria. L'avvio della produzione è previsto per la fine del 2026. L'investimento, che beneficia dello stanziamento del governo ungherese, ammonta