Bologna, il mondo della scuola torna in piazza: “Il dpcm lo permette”

BOLOGNA – Torna in piazza il mondo della scuola a Bologna, in occasione dello sciopero nazionale proclamato per venerdì prossimo, 26 marzo. Il presidio in piazza Nettuno alle 10 è promosso da Cobas e Coordinamento precari della scuola, insieme al Comitato prioritĂ  alla scuola di Bologna. “Il 26 marzo è uno sciopero non solo sindacale ma anche politico e sociale per un diverso modello di scuola”, spiegano gli organizzatori, che puntano a coinvolgere “tutto il popolo della scuola pubblica: docenti, Ata, studenti, genitori e in generale cittadini democratici”. Anche per questo, sulla pagina dell’evento Facebook si precisa che “ai sensi del Dpcm del 2 marzo e circolare del Ministero dell’Interno del 6 marzo, è consentito lo spostamento per partecipare a manifestazioni”.

La protesta nasce dal fatto che da parte del Governo Draghi arrivano “pessimi segnali, imponendoci la formazione obbligatoria sulla Dad, la reintroduzione dei meccanismi premiali, l’allungamento del calendario scolastico e l’ingresso del settore privato nelle scuole attraverso i patti di comunitĂ ”. Per questo, sostengono gli organizzatori, “è urgente porre all’ordine del giorno una visione diversa e alternativa alla gestione pre-Covid. Oggi i soldi ci sono e sono molti, non possiamo permettere che i fondi previsti per la scuola nel Recovery Plan siano destinati in via quasi esclusiva alla digitalizzazione e al legame con l’impresa, perchĂ© ciò rischia di allontanarla definitivamente dal modello di scuola pubblica previsto dalla Costituzione”. Tre sono le richieste: ridurre a 20 il numero massimo di alunni per classe e a 15 in presenza di alunni diversamente abili; aumentare gli organici e assumere tutti i precari; intervenire nell’edilizia scolastica per avere spazi idonei a una scuola in presenza e in sicurezza.

LEGGI ANCHE: Ricerca Università Bologna: “Mascherine lavabili non sono sicure, come non indossare nulla”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ucraina, Consiglio Ue: “Fornire difesa aerea, urgente invio missili e munizioni”

(Adnkronos) - "Il Consiglio europeo sottolinea il bisogno di fornire con urgenza sistemi di difesa aerea all'Ucraina e di velocizzare e intensificare l'invio di tutta l'assistenza militare necessaria, inclusi munizioni per l'artiglieria e missili. Invita il Consiglio, in particolare nel prossimo summit, e gli Stati membri ad assicurare il necessario seguito". E' quanto si legge

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere Bruxelles, 17 apr. (askanews) – Il giorno dopo il discorso di Mario Draghi a Bruxelles, con la richiesta di un "cambiamento radicale" dell'Unione europea, fa discutere la possibilità di un incarico di vertice – Consiglio europeo o Commissione – per l'ex banchiere centrale e primo ministro.

Porta un morto in banca: “E’ mio zio, deve farmi un prestito”

(Adnkronos) - Porta un morto in banca e prova a far firmare il cadavere per ottenere un prestito di 3000 euro. E' la surreale vicenda che in Brasile coinvolge una donna, Erika de Souza Vieira, arrestata a Rio de Janeiro. La donna si è presentata in una banca della zona di Bangu con un uomo