La morte del docente di Vergato non è stata causata dal vaccino

BOLOGNA – Anche se “gli esami vanno ulteriormente suffragati”, per ora “non sono emersi legami” tra la morte di Giuseppe Morabito, il docente 61enne deceduto 10 giorni fa a Vergato, nell’Appennino bolognese, e la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Lo fa sapere la Procura di Bologna, che dopo la morte dell’uomo aveva aperto un fascicolo senza indagati.

In una nota, da via Garibaldi spiegano che “i consulenti tecnici, all’esito dell’autopsia, hanno comunicato l’insussistenza di evidenze di una correlazione fisiopatologica causale tra il decesso e la somministrazione del vaccino”, aggiungendo che la stessa autopsia “ha peraltro fatto rilevare che il deceduto era portatore di infezione” da Covid.

LEGGI ANCHE: Bologna, operai trovano un teschio umano in un canale al Parco Nord

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele e Ucraina, Erdogan scrive al Papa: “Insieme per la pace, alziamo la voce”

(Adnkronos) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha scritto a "Sua SantitĂ  Papa Francesco, Guida Spirituale del Mondo Cattolico" per sottolineare la necessitĂ  che "la comunitĂ  internazionale agisca in cooperazione e coordinamento" per "le sfide che dobbiamo affrontare". Tra queste, Erdogan ha citato "in particolare gli attacchi indiscriminati israeliani a Gaza, dove si muore

Lotito: “Luis Alberto ha un contratto con la Lazio, non va via gratis”

(Adnkronos) - "Luis Alberto? Probabilmente vuole andare via gratis. E invece no, ha un contratto di quattro anni, è un tesserato. Porti lui la squadra" che lo vuole. Risponde così all'Adnkronos il presidente della Lazio, Claudio Lotito, sulle dichiarazioni di ieri del giocatore che alla fine del match contro la Salernitana, vinto 4-1 dai biancazzurri

“Ringraziate l’ammazza orsi”, danni per 60mila euro alla vigna dei familiari di Fugatti

(Adnkronos) - Distrutte un centinaio di viti per un danno, non assicurato, da 60mila euro come rappresaglia nei confronti del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e della sua politica sull'abbattimento degli orsi.  E' l'azione messa in atto da un gruppo di attivisti nei confronti dei familiari di Fugatti, proprietari delle piante del