L’allarme dei presepiai di Napoli: “Senza aiuti botteghe chiuderanno per sempre”

NAPOLI – Gli artigiani di San Gregorio Armeno hanno scritto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio Mario Draghi, al presidente della Campania Roberto Fico, alla Regione Campania e al Comune di Napoli per denunciare “la difficile situazione in cui versano gli artigiani della famosissima strada dei presepi”. “Le botteghe storiche artigianali di via San Gregorio Armeno, date le circostanze, si trovano ad oggi in serie difficoltĂ  economiche, addirittura si rischia la chiusura definitiva di alcune di esse, a causa dell’accumulo di spese di fitto, utenze e tasse. La chiusura di queste antiche botteghe – denunciano i presepiai – oltre a causare una grave perdita della tradizione artistica e culturale del centro storico di Napoli, favorirebbe la sostituzione di quest’ultime con altre attivitĂ , ponendo così fine all’unicitĂ  della famosissima Via San Gregorio Armeno. I sostegni economici statali sono veramente irrisori per far fronte ai debiti accumulati fino ad ora e alle spese dei prossimi mesi che saranno ancora duri”.

Alle istituzioni chiedono sgravi fiscali, sostegni economici per far fronte alle spese vive di tutte le attivitĂ  con finanziamenti in parte a fondo perduto e in parte a tasso agevolato. “Questi aiuti, per la sopravvivenza minima delle storiche Botteghe – si legge nella lettera – porteranno un notevole beneficio sociale ed economico a tutta la comunitĂ , in quanto, essendo Via San Gregorio Armeno un attrattore naturale del turismo campano, italiano ed estero, attirerĂ  tantissimi turisti nella cittĂ  di Napoli e di conseguenza nella Regione Campania riportando l’Italia ai vertici della meta turistica di tutto il mondo. Chiediamo un incontro urgente con tutte le Istituzioni preposte affinchĂ© si possa trovare una soluzione prima che sia troppo tardi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ecco come Israele ha sventato l’attacco dell’Iran alla base degli F35 a Nevatim

(Adnkronos) - Era la base aerea di Nevatim, nel Negev, l’obiettivo principale dell’attacco iraniano della scorsa notte contro Israele. La base degli F35 da cui, secondo Teheran, è partito il raid del primo aprile scorso contro il suo consolato a Damasco, nel quale è stato ucciso il generale dei Pasdaran Mohammad Reza Zahedi. E’ l’unico

Udinese-Roma, malore per Ndicka: partita sospesa

(Adnkronos) - Udinese-Roma sospesa per il malore accusato dal difensore giallorosso Obite Evan N'Dicka. Il giocatore ivoriano, 24 anni, si è accasciato improvvisamente in campo e il gioco è stato fermato al 72'. Secondo quanto si è appreso avrebbe manifestato un dolore al petto, lo staff medico lo ha soccorso immediatamente fornito di defibrillatore. Il

Bayer Leverkusen vince la Bundesliga, primo titolo nella storia

(Adnkronos) - Il Bayer Leverkusen vince la Bundesliga 2023-2024 e conquista il primo titolo della propria storia, interrompendo il dominio del Bayern Monaco che durava da 11 stagioni. Nella 29esima giornata, la formazione allenata da Xabi Alonso batte il Werder Brema per 5-0 con i gol di Boniface su rigore (25'), Xhaka (60') e con