Letta: “A Roma faremo primarie, Gualtieri tra candidati. Raggi? Pietra d’inciampo”

ROMA – “Nei prossimi giorni apriremo il dossier di Roma, penso che faremo le primarie. Ci sono diversi candidati, tra cui Gualtieri del PD. Ma è vero che su Roma il nostro giudizio sul sindaco uscente non è lo stesso di quello dei 5 Stelle, e rischia di essere una pietra di inciampo. So di giocarmi l’osso del collo su questa partita, ma ce ne sono anche altre importanti”. Così il segretario del PD Enrico Letta, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

LETTA: “INCONTRERÒ RENZI E PARLEREMO DI FUTURO DELLA SINISTRA”

“Incontrerò Renzi e parleremo di che tipo di futuro costruire per la Sinistra. Non è l’ultimo, devo fare ancora diversi incontri. Noi vogliamo costruire un’alleanza di centrosinistra con i 5 Stelle. Quello che ho chiaro è che la Destra fa il gioco di fare l’opposizione con la Meloni e di stare al governo con la Lega. E la svolta europeista di Salvini, fatta con Giorgetti davanti a un caffè, è da mettere alla prova”.

ARABIA SAUDITA, LETTA: “C’È VUOTO NORMATIVO SU INCONTRI CON REGIMI AUTORITARI”

 “C’è un vuoto normativo su temi relativi a incontri e impegni con i regimi autoritari. Noi abbiamo una posizione diversa rispetto all’Arabia Saudita, siamo vicini alla posizione dell’America di Biden”. 

LETTA: “NON SONO TORNATO PER VIVACCHIARE MA PER VINCERE PROSSIME ELEZIONI”

“Se sono cattivo o no dipende da cosa si intende per cattiveria. Oggi sono più determinato: ho imparato tante cose. Se sono tornato non è per vivacchiare, non voglio guidare la coalizione verso la sconfitta. Devo sistemare le cose e cercare di vincere le prossime elezioni”.

LETTA: “SE ANDIAMO SOLI REGALIAMO ITALIA A SALVINI E MELONI”

“Se andiamo soli, noi regaliamo l’Italia a Salvini e Meloni. Per questo dobbiamo fare una coalizione con chi ci è più vicino, e con i 5 Stelle in questa fase abbiamo governato bene. Dobbiamo fare un’alleanza tra partiti che si rispettano, ma con l’ambizione di essere la leadership di questa alleanza. Poi individueremo la modalità per decidere il candidato premier, e dipende anche da legge elettorale”. 

LETTA: “LEGA DEVE SMETTERLA CON LINGUAGGIO DOPPIO”

“Ritengo molto importante quello che ha detto il presidente Draghi sulle riaperture che dipendono dai dati, ha detto semplicemente la verità e chiarisce che se la Lega vuole stare in questo governo deve smetterla con il linguaggio doppio, cioè con il dire una cosa e farne un’altra”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele e Ucraina, Erdogan scrive al Papa: “Insieme per la pace, alziamo la voce”

(Adnkronos) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha scritto a "Sua Santità Papa Francesco, Guida Spirituale del Mondo Cattolico" per sottolineare la necessità che "la comunità internazionale agisca in cooperazione e coordinamento" per "le sfide che dobbiamo affrontare". Tra queste, Erdogan ha citato "in particolare gli attacchi indiscriminati israeliani a Gaza, dove si muore

Lotito: “Luis Alberto ha un contratto con la Lazio, non va via gratis”

(Adnkronos) - "Luis Alberto? Probabilmente vuole andare via gratis. E invece no, ha un contratto di quattro anni, è un tesserato. Porti lui la squadra" che lo vuole. Risponde così all'Adnkronos il presidente della Lazio, Claudio Lotito, sulle dichiarazioni di ieri del giocatore che alla fine del match contro la Salernitana, vinto 4-1 dai biancazzurri

“Ringraziate l’ammazza orsi”, danni per 60mila euro alla vigna dei familiari di Fugatti

(Adnkronos) - Distrutte un centinaio di viti per un danno, non assicurato, da 60mila euro come rappresaglia nei confronti del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e della sua politica sull'abbattimento degli orsi.  E' l'azione messa in atto da un gruppo di attivisti nei confronti dei familiari di Fugatti, proprietari delle piante del