Malika Ayane: “Nel mio nuovo disco anche Colapesce e DiMartino”

ROMA – Ci sono anche Colapesce e DiMartino, in veste di autori, nel nuovo disco di Malika Ayane. Esce domani per Sugar Music ‘Malifesto’, sesto lavoro della cantautrice milanese.

Crediti foto: Cosimo Buccolieri

I colleghi – primi in tutte le classifiche digitali con ‘Musica Leggerissima’ e primi cantanti in gara a Sanremo 2021 ad ottenere un disco di platino per la canzone – hanno fatto parte della squadra che ha lavorato a questo nuovo disco, insieme a nomi come quelli di Leo Pari, Pacifico e Antonio Filippelli. “Sono contenta di averli trovati prima che piacessero a tutti!”, scherza Malika raccontando le settimane passate in studio a far nascere questo nuovo album. “Io sono una di quelle noiose che passa il tempo a provinare le canzoni pianoforte e voce per poi portarle tutte a una sorta di uniformitĂ  nella fase di produzione”, racconta l’artista. “Anche nel caso di Antonio e Lorenzo- dice- abbiamo lavorato in questo modo. Da loro mi erano arrivati due brani. Uno lo adoravo, al punto che non avrei fatto nessuna modifica, soltanto che era incantabile per me. Non è vero che si può cantare qualsiasi cosa. Il secondo, che poi è diventato ‘Telefonami’, mi è piaciuto molto per scrittura e contenuto e per la sua modernitĂ : era una cosa pop ma non troppo, per cui io sono intervenuta nel riscrivere insieme a Pacifico solo parte del testo”. Cosa hanno dato a questo album è chiaro: “Hanno trasmesso l’impronta leggera che hanno nel guardare la musica”. 

IL NUOVO ALBUM

In ‘Malifesto’ Malika racconta tutte le sue emozioni, l’importanza di manifestarle come lascia intuire il titolo e il bisogno di quella leggerezza che Colapesce e DiMartino hanno contribuito a mettere in musica. “Realizzare questo disco- assicura la Ayane- mi ha permesso di staccarmi dalla realtĂ  fatta di navigazione a vista”, una quotidianitĂ  fatta di “incertezza”.

Una sensazione vissuta a pieno a Sanremo 2021 dove la cantautrice ha partecipato con ‘Ti piaci cosĂŹ’, inno ad accettarsi comunque e uno dei dieci brani contenuti in questo progetto. Un lavoro che non importa se suonerĂ  troppo sofisticato. “In questi anni- spiega Malika- la lezione piĂš bella che ho imparato, proprio perchĂŠ non ci sono piĂš regole, è quella di fare qualcosa di cui non ci si pentirĂ  in futuro. È l’antimusica cercare di seguire un’attualitĂ  che oggi è questa e che domani sarĂ  giĂ  un’altra”. CosĂŹ, la Ayane se ne frega, per citare un altro suo collega, e torna all’essenzialitĂ  regalando atmosfere rarefatte prese ‘in prestito’ dai film francesi, da cui ha tratto ispirazione. “Negli ultimi anni- dice Malika- stavo diventando troppo scientifica nella ricerca dei suoni, Domino (il suo precedente disco, ndr) sembrava chimica piĂš che musica. Ho guadagnato il riscoprire l’essenzialitĂ , l’emotivitĂ , la voce: tutto quello che usavo da ragazza per colpire le persone”. Dal 2008 protagonista della scena cantautorale femminile, la Ayane è piĂš sicura che mai: “Ho perso qualche paranoia di troppo, le ho disseminate per strada”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Fisco,Meloni: tasse non sono una cosa bellissima, sono necessarie

Contribuente non è suddito, con noi record recupero evasione Roma, 19 apr. (askanews) – "Il contribuente non è un suddito, è un cittadino, io sono per un fisco amico che non ti vessa con un livello di servizi che non corrisponde alle tasse che paghi, che ti chiede di pagare il giusto in tempi ragionevoli

Vinitaly, Consorzio Lugana: 2.000 calici versati e masterclass sold out

Peduto: a Verona emersa importanza di evolvere il linguaggio del vino Milano, 19 apr. (askanews) – A Vinitaly 2024 sono stati duemila i calici di Lugana Doc assaggiati allo stand del Consorzio e millecinquecento quelli serviti durante "Vinitaly and The City", la manifestazione dedicata ai winelovers nel centro di Verona, che ha visto la Denominazione

Driverso: in Ue fatturato a 169 mln per car hiring d’alta gamma, 45 mln in Italia

(Adnkronos) - Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. E per quanto riguarda l'Italia i dati parlano di 45 milioni di euro di fatturato con circa 1000 auto. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis