Paola Cortellesi ‘torna in azione’: ciak per la seconda stagione di ‘Petra’

ROMA – Torna in azione Petra Delicato. Sono in corso tra Roma e Genova (con il supporto della Genova-Liguria Film Commission) le riprese della seconda stagione di ‘Petra’, una produzione Sky, Cattleya – parte di ITV Studios – e Bartlebyfilm, con protagonista Paola Cortellesi insieme all’immancabile Andrea Pennacchi. Le quattro nuove storie Sky Original, dirette da Maria Sole Tognazzi, sono tratte da altrettante opere di Alicia Giménez-Bartlett, tutte edite in Italia da Sellerio: i tre romanzi, ‘Serpenti nel paradiso’, ‘Un bastimento carico di riso’, ‘Nido Vuoto’ e il racconto ‘Carnevale diabolico’.

“Iniziamo con entusiasmo le riprese di questa seconda stagione di Petra e sono felice di aver ritrovato sul set il bellissimo clima che si era creato lo scorso anno, assieme ai miei compagni di viaggio Paola, Andrea, tutto il cast e una troupe straordinaria”, ha dichiarato la regista Maria Sole Tognazzi. “È una bellissima sensazione essere qui sul set a dare forma e queste storie, sapendo che c’è un grandissimo pubblico che ha amato la serie, che ha premiato il nostro lavoro e che aspetta con passione di vedere cosa abbiamo in serbo. Siamo pronti per tornare con le nuove avventure di Petra nella meravigliosa Genova”.

I nuovi episodi, che arriveranno prossimamente su Sky e NOW, sono scritte da Giulia Calenda, Furio Andreotti e Ilaria Macchia e le sceneggiature sono scritte con la collaborazione della Cortellesi. “L’ispettrice Petra Delicato (Cortellesi) – come si legge sulla sinossi – è ora stabilmente in forze nel settore operativo della mobile di Genova. Al suo fianco c’è sempre il vice ispettore Antonio Monte (Pennacchi). Il loro rapporto di reciproca stima e amicizia si è ormai consolidato, nonostante le differenze di età, genere, esperienza di vita e visione del mondo. Insieme sono una coppia investigativa senza precedenti e due compagni di bevute inarrivabili. I quattro nuovi casi su cui lavoreranno fianco a fianco Petra e Antonio sono crimini molto diversi fra loro: un omicidio all’interno di un comprensorio esclusivo, una catena di morti tra i senza fissa dimora, un duplice assassinio legato al passato, il furto di una pistola che svela il drammatico universo delle baby gang. Forti del loro rapporto ormai consolidato, Petra e Antonio sembrano avere trovato l’equilibrio perfetto e si potrebbe pensare che non abbiano bisogno d’altro. Ma la vita riserva sempre delle sorprese. Soprattutto quando si è pronti a rimettersi in discussione, ad accogliere con curiosità i nuovi incontri e a dare ascolto a un ulteriore, inaspettato, desiderio di cambiamento”.

]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Startup, quando il tempo libero diventa lavoro: Kid Pass compie 10 anni

(Adnkronos) - Kid Pass è ormai diventata un punto di riferimento - con un portale e un magazine digitale - delle famiglie con bambini che desiderano vivere esperienze di qualità, e ora taglia il traguardo dei 10 anni, contando su oltre 100mila consultazioni del sito kidpass.it ogni mese, 20mila iscritti alla newsletter, più di 20mila

Porti, Musolino (AdSP): “Civitavecchia quinto al mondo e a Gaeta 100% cantieri Pnrr”

(Adnkronos) - "Se le infrastrutture critiche sono strategiche e sono importanti allora non possiamo essere prigionieri di oscuri figuri che poi la faccia non ce la mettono mai". Così Pino Musolino, presidente Autorità di Sistema Portuale AdSP Mar Tirreno Centro-Settentrionale, durante l'intervento al 3° Summit Nazionale sull’Economia del Mare Blue Forum a Gaeta.  "Civitavecchia -

Blue Economy, De Meo (Fi/Ppe): “L’Europa usi il potenziale del mare per la pace”

(Adnkronos) - "L'Italia ha un ruolo strategico perché è un luogo privilegiato per quanto riguarda l'energia, la difesa, l'economia, strategica per i flussi migratori, dove in passato non sempre siamo riusciti a gestire. Bisogna riconoscere che in questo momento il governo ha una credibilità forte in Europa che è un po' come il mare che