Rifiuti, Regione avvisa Roma: “Pronti a breve con poteri sostitutivi”

ROMA – La Regione Lazio è pronta a commissariare Roma sui rifiuti. L’assessore regionale, Massimiliano Valeriani, parlando in Consiglio non ha mai pronunciato le parole “Roma Capitale” nella relazione letta durante la seduta straordinaria dell’Assemblea della Pisana sui rifiuti ma il destinatario era chiaro, soprattutto per quanto sta accadendo nelle ultime ore nella cittĂ  eterna dopo la chiusura della discarica di Rocca secca.

“Vi annuncio il nostro intendimento di esercitare da qui a breve i poteri sostitutivi per tutte le inadempienze territoriali che producono solo crisi, lamenti giusti e legittimi da parte dei cittadini ma inascoltabili da parte di molti amministratori che invece di assumersi le proprie responsabilitĂ  restano fermi- ha detto Valeriani- Questo non lo posiamo accettare e non posiamo continuamente chiedere una mano alle altre regioni o agli altri paesi. C’è bisogno che ognuno faccia la propria parte. Se governi e tocca a te, è necessario che anche sul tema dei rifiuti non ci sia continuamente questo gioco del cerino ma che ognuno provveda a fare quello che deve”.

L’assessore ai Rifiuti del lazio, Massimiliano Valeriani, ha spiegato che “nei prossimi giorni partirĂ  una cabina di monitoraggio sull’attuazione del piano (regionale dei rifiuti, ndr) che dovrĂ  valutare, in caso di persistente immobilismo, chi dovrebbe muoversi e assumere decisioni e invece non lo fa. Da quando questa cabina inizierĂ  a operare, noi, nel caso di immobilismo, eserciteremo i poteri sostitutivi”.

L’esponente della Giunta Zingaretti ha messo sull’avviso tutti quei comuni che non stanno agendo di conseguenza rispetto a quanto disposto dal piano varato ad agosto, in particolare rispetto alla necessitĂ  dei territori di avere una propria autonomia di impianti ed evitare così l’insorgenza di continue crisi nella gestione del ciclo dei rifiuti. “Non tocca a noi ma se continuerĂ  così la situazione di immobilismo assoluto a Roma, in Provincia di Roma, a Latina, eserciteremo i poteri sostitutivi- ha aggiunto- PerchĂ© abbiamo il dovere di fare vivere il piano e di assumere quelle decisioni che finora non sono state assunte. Ed è una delle ragioni per cui ancora oggi basta il fermo di un qualsiasi impianto per fermare tutto il sistema del ciclo dei rifiuti”.

Valeriani, pur senza nominarla, ha respinto al mittente le forti critiche della sindaca di Roma, Virginia Raggi, al piano dei rifiuti, in occasione dell’arresto della ex direttrice dell’area rifiuti della Regione Lazio, Flaminia Tosini, e dell’imprenditore Valter Lozza: “Il tema da dibattere non è il piano ma sarĂ  la sua attuazione per l’autosufficienza degli impianti da raggiungere, che non è un onere della Regione. Aiutiamo i comuni se vogliono realizzare impianti, infatti abbiamo messo 80 milioni di euro per finanziare impianti di proprietĂ  pubblica- ha replicato l’assessore- PerchĂ© nessuno ha fatto richiesta di questi fondi? PerchĂ© c’è un’inerzia dei territori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere Bruxelles, 17 apr. (askanews) – Il giorno dopo il discorso di Mario Draghi a Bruxelles, con la richiesta di un "cambiamento radicale" dell'Unione europea, fa discutere la possibilità di un incarico di vertice – Consiglio europeo o Commissione – per l'ex banchiere centrale e primo ministro.

Porta un morto in banca: “E’ mio zio, deve farmi un prestito”

(Adnkronos) - Porta un morto in banca e prova a far firmare il cadavere per ottenere un prestito di 3000 euro. E' la surreale vicenda che in Brasile coinvolge una donna, Erika de Souza Vieira, arrestata a Rio de Janeiro. La donna si è presentata in una banca della zona di Bangu con un uomo

Terremoto a Ricigliano, scossa di magnitudo 2.1: nessun danno

(Adnkronos) - Una scossa di terremoto di magnitudo 2.1 è stata registrata a Ricigliano, nel Salernitano, alle 21.05, dai sismografi dell'Ingv. La scossa è stata rilevata a tre chilometri a nord di Ricigliano e a un chilometro di profondità. Non si sono registrati danni. Nelle ultime settimane, varie scosse sono state registrate con epicentro a