Rock City, a Milano la mostra per rivivere la grande stagione rock

MILANO – Madonna si aggira con Naomi Campbell in via Montenapoleone, Miles Davis se ne sta rintanato nel suo residence prima del concerto e Rudolf Nureyev dorme a casa di amici mentre nei locali e nei ristoranti si incrociano Prince o Peter Gabriel, David Bowie o Sting. La grande stagione del Rock a Milano torna oggi a vivere, attraverso gli scatti dei fotografi che l’hanno vissuta, grazie a ‘Rock City’, la mostra organizzata fino all’11 aprile da ArteUtopia nella Galleria di Après-coup Arte, via Privata della Braida 5 a Milano.

Ingressi contingentati, e in sicurezza, per rivivere il vent’ennio che, dal 1980 al 2000, ha reso Milano una delle “piazze” piĂą affascinanti al mondo, dove la musica ed il teatro dialogavano con la moda e la fotografia, con un pubblico sempre piĂą numeroso e competente.

E mentre la ‘Milano da bere’ si imponeva come capitale della musica e della cultura, i capiservizio dei grandi quotidiani della cittĂ  dovevano trovare in cronaca lo spazio per tutti e la fotografia diventava spesso lo strumento migliore per evidenziare un’emozione, descrivere l’entusiasmo o la delusione e per carpire l’attimo.

Il mondo era analogico e le fotografie erano rettangoli di cartoncino, spesso in bianco e nero, che prendevano vita la notte, dopo lo spettacolo, nelle camere oscure di strani stregoni che tra liquidi, bacinelle e luci soffuse passavano la notte a ‘scrivere’ con il loro alfabeto la cronaca degli spettacoli, che il loro occhio meccanico aveva registrato in una memoria, arrotolata, di appena 36 parole. 

“Massimo Barbaglia, Gigliola Di Piazza, Bruno Marzi e Angelo Radaelli  erano  gli stregoni che in quegli anni quasi ogni sera si muovevano in cittĂ  alla caccia di uno sguardo, un suono, un passo di danza e un sorriso – racconta Luigi Pedrazzi, direttore di ArteUtopia- Gli scatti piĂą belli erano quelli rubati, magari nei primi dieci minuti di show, quando il microfono non funzionava bene o le luci erano basse e poi via di corsa a immortalare un’altra storia, un altro palco. Rock City è la storia di una cittĂ  e dei suoi narratori occulti, la cronaca senza fronzoli di una istantanea al buio, la suggestione di un periodo irripetibile e lontano che ci restituisce intatta l’irresistibile energia che scorreva in quegli anni nelle vene  di Milano”.

La mostra, curata da Luigi Pedrazzi, vuole inoltre ricordare Gigliola Di Piazza, a due anni dalla sua prematura scomparsa, attraverso le sue fotografie stampate di notte, a Milano.

Photo Massimo Barbaglia – 17/07/1996 Milano, Zucchero e Buddy Guy in concerto al World Rhythm Festival Stadio San SiroPhoto Massimo Barbaglia – 04/07/1992 Roma, Michael Jackson in concerto allo stadio FlaminioPhoto Massimo Barbaglia – 21/02/1994 Modena, Kurt Cobain leader dei Nirvana in concerto al palasport di Modena

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Europee, Pd con Schlein doppia capolista ma partito si spacca su simbolo

(Adnkronos) - Via libera della Direzione del Pd alle liste per le elezioni europee 2024. La segretaria Elly Schlein sarĂ  capolista al Centro e nelle Isole, Stefano Bonaccini al Nord est, Cecilia Strada al Nord ovest e Lucia Annunziata al Sud. "Liste bellissime e molto forti", con "apertura, esperienza, innovazione, militanza, accoglienza, personalitĂ  indipendenti", ha

Scurati, Gasparri: “Nessuna censura, è una menzogna”

(Adnkronos) - ''Io faccio parte della Commissione Parlamentare di vigilanza, da molti anni, e mi sono occupato della vicenda, non c'è stata nessuna censura". Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia e membro della Commissione di Vigilanza, ricostruisce il caso legato al monologo che lo scrittore Antonio Scurati avrebbe dovuto esporre, sul tema del fascismo e

Europee, 29 simboli depositati, mancano ancora Fi e Pd

Al Viminale c'è tempo fino a lunedì 22 alle 16 Roma, 21 apr. (askanews) – Sono 29 i simboli depositati al ministero dell'Interno nella prima delle due giornate previste per la consegna dei contrassegni con cui saranno contraddistinte le liste dei candidati alle prossime elezioni europee, in programma sabato 8 e domenica 9 giugno 2024.