Roma, occhi ‘spaziali’ su pineta Castel Fusano: droni e satelliti per sicurezza

ROMA – La Pineta di Castel Fusano sarà controllata 24 ore su 24, in tempo reale, grazie a un sistema di sensori, satelliti e droni che segnaleranno qualsiasi tipo di evento: dagli incendi all’entrata abusiva di autoveicoli, dall’abbandono di rifiuti alla creazione di insediamenti abusivi. È quanto prevede il progetto ‘Ses 5G’ messo a punto dal Comune di Roma insieme a Leonardo e in collaborazione con l’Agenzia spaziale italiana e l’Agenzia spaziale europea.

LEGGI ANCHE: Dallo Spazio le mappe delle biomasse forestali

“Roma oggi entra nel futuro- ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi- Grazie a dei partner eccezionali è stato elaborato un progetto che mette a frutto le migliori e finissime tecnologie per creare una vera e propria applicazione di Smart city per la tutela, la sicurezza e il controllo della pineta di Castel Fusano. Vogliamo dimostrare che quando si parla di Smart city Roma è già nel presente, non stiamo parlando di qualcosa proiettato nel futuro. Il progetto ‘Ses 5g’ è già realtà”.In media ogni anno sono circa sette gli incendi che colpiscono la pineta. Il più grave, ha ricordato Raggi, fu quello del 2017 che distrusse oltre 120 ettari. “Castel Fusano è un luogo facilmente penetrabile, di difficile controllo- ha sottolineato la sindaca- ma con queste tecnologie saremo in grado di controllare costantemente tutto quello che succede”.

Il presidente dell’Asi, Giorgio Saccoccia, e l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, intervenuti alla presentazione, hanno evidenziato entrambi l’importanza della collaborazione tra partner diversi che ha portato a questo risultato in tempi brevi. “Dobbiamo rilanciare Roma come città tecnologica, e non solo patrimonio artistico”, ha concluso Profumo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

“Il Gattopardo di Lucchini”, la gaffe della ministra Santanchè

BOLOGNA – Visconti chi? Il Gattopardo diventa di un tale ‘Lucchini’. È la gaffe in cui è caduta, questo pomeriggio, la ministra del Turismo Daniela Santanchè, che nel citare il celebre Gattopardo di Visconti, lo ha attribuito a qualcun altro. Nello specifico, un non meglio precisato ‘Lucchini’. L’occasione è stata la cerimonia inaugurale degli Stati

Roma. ‘Ti sei sentita violentata in Ateneo?’, 60% di 1300 studentesse La Sapienza dice sì

ROMA – “A novembre scorso ci siamo resi conto che dentro e fuori l’università le segnalazioni per molestie e violenze da parte degli studenti erano in crescita”. E’ nata da qui l’idea di un questionario per mettere nero su bianco i numeri del fenomeno sommerso. Lo ha spiegato Valeria Cigliana, rappresentante di Sinistra Universitaria in

Tg Politico Parlamentare, edizione del 12 aprile 2024

CASE GREEN. OK FINALE DELL’UE, L’ITALIA VOTA CONTRO La direttiva europea sulle case green è legge, nonostante il voto contrario di Italia e Ungheria. Il via libera definitivo è arrivato oggi dall’Ecofin riunito in Lussemburgo. Tutto il disappunto del governo Meloni è nelle parole del ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. “E’ una direttiva ambiziosa e bellissima