Vaccino, Figliuolo in Lombardia: “Non va tutto bene, rimediamo insieme”

Di Maria Laura Iazzetti e Nicolò Rubeis

MILANO – “Non va tutto bene, e come da altre parti dobbiamo migliorare, altrimenti non ha senso verificare”. Il generale dell’esercito Francesco Paolo Figliuolo, subentrato al posto di Domenico Arcuri nel ruolo di Commissario straordinario nazionale per l’emergenza Covid-19, sottolinea le difficoltĂ  recenti incontrate in Lombardia nel piano vaccinale messo in campo dal Pirellone.

“Bertolaso- continua Figliuolo- ha detto che la Regione è una Ferrari con le ruote sgonfie. Io dico invece che a volte non è arrivata la giusta benzina”. Le idee, per il generale, “ci sono”, e il piano, nel complesso, “è coerente con quello nazionale”. Da domani poi, come fa sapere Figliuolo, la Lombardia “sarĂ  inserita nella struttura commissariale di Poste Italiane”, che si occuperĂ , al posto della partecipata Aria, di gestire le prenotazioni dei cittadini che dovranno ricevere il vaccino. Un cambio, che per il generale consentirĂ  “di risolvere velocemente le problematiche che ci sono state” nella Regione, legate “proprio ai sistemi informatici”. Giusto il tempo di qualche battuta per Figliuolo che è giĂ  il tempo di scappare via.

In mattinata, il commissario ha visitato, insieme al capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, l’hub vaccinale nell’area espositiva di MalpensaFiere a Busto Arstizio, in provincia di Varese, quello a sud-ovest di Milano, realizzato dall’esercito nel parcheggio di via Novara adiacente al Parco del Trenno e infine il centro vaccinale nell’ospedale in Fiera a Portello, dove si è svolto un veloce punto stampa. Figliuolo si è detto soddisfatto di quanto ha visto, specie per “la sinergia” tra le “migliori forze del Paese”, come la Croce rossa, Protezione civile e la Camera di commercio a Malpensa, la Difesa a Trenno e il personale sanitario dell’hub in Fiera. L’essenza delle sue verifiche, come ha specificato il generale, “è vedere se ciò che è stato pensato” a livello nazionale “è poi in linea con quello che si fa sui territori”. “Le cose che non vanno ci sono- ha concluso Figliuolo- noi le facciamo notare e poi, insieme, si mettono a posto”.

CURCIO: “SE LOMBARDIA FALLISCE FATICA TUTTA ITALIA”

“La Lombardia ha un sesto dei cittadini italiani. Nell’ambito dei famosi 500mila vaccinati al giorno che ci siamo prefissati questa Regione ha un ruolo fondamentale e importantissimo. Se qui non si raggiungono gli obiettivi, faticheremo anche a livello nazionale”. Il monito arriva da Fabrizio Curcio, capo della Protezione Civile, intervenuto nel punto stampa organizzato all’ospedale in Fiera di Milano, dopo aver visitato in mattinata, al fianco del generale dell’Esercito nonchĂ© commissario straordinario per l’emergenza sanitaria Francesco Paolo Figliuolo, tre hub vaccinali lombardi.

In ogni caso, il piano messo in campo per la somministrazione del farmaco anti Covid-19 dal Pirellone, per Curcio “è chiaro”, e va anche oltre alle previsioni “che la Regione stessa ha fissato”. Ma una cosa, per il capo della Protezione Civile, va assolutamente chiarita. Ossia che “lo Stato sarĂ  al supporto della Lombardia”, al di lĂ  di qualsiasi polemica.

“Ci sono state anche avanzate- rivela Curcio- delle richieste per aumentare la performance della struttura regionale, tramite l’attivazione dei sindaci, fondamentali visto che vivono il territorio”. Insomma, conclude Curcio, “lavoreremo da subito” anche su questo, con la certezza che gli obiettivi nazionali “sono comuni” e condivisi con quelli lombardi.

FONTANA: “IN LOMBARDIA DISGUIDI INFORMATICI NON HANNO INCISO”

“E’ stata una visita sicuramente molto importante. E’ stata ribadita la bontĂ  dell’attivitĂ  svolta da Regione Lombardia sia per l’organizzazione degli hub vaccinali sia per la valutazione positiva del piano regionale”. Così Attilio Fontana, governatore della Lombardia, commenta in Fiera a Milano la visita del commissario straordinario, Paolo Figliuolo, e del direttore alla Protezione civile, Fabrizio Curcio.

Il presidente ribadisce la linea comunicativa adottata dalla Regione nei giorni scorsi per rispondere alle critiche delle opposizioni: nonostante gli intoppi, le vaccinazioni stanno procedendo. “Il piano è stato considerato in linea e assolutamente compatibile con quello nazionale”, spiega Fontana che ridimensiona le parole del generale Figliuolo che ha comunque evidenziato alcuni malfunzionamenti nella campagna di somministrazione lombarda.

Per il governatore le difficoltĂ  avute “non hanno ridotto la capacitĂ  di vaccinare e il numero di vaccinazioni”. Sarebbero piuttosto dei “disguidi informatici che hanno portato qualche difficoltĂ  ai cittadini, ma che non hanno inciso” sulle somministrazioni, perchĂ© i numeri delle inoculazioni sono comunque “significativi”.

“Queste sono polemiche che io trovo stucchevoli e che non sono degne di un Paese come il nostro. Io credo che i numeri stanno dando ragione a chi sta lavorando e torto a chi sta cercando di speculare su qualche cosa che non funziona”, conclude il presidente Fontana.

MORATTI CONFERMA: “OBIETTIVO LOMBARDIA 170.000 INIEZIONI/GIORNO”

“E’ stato un momento prezioso che ci ha rassicurato riguardo al nostro piano vaccinale”. Anche l’assessore al Welfare della Lombardia, Letizia Moratti, commenta con soddisfazione la visita del commissario straordinario, Paolo Figliuolo, e del capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio. Moratti assicura che il piano vaccinale massivo verrĂ  presentato definitivamente nei prossimi giorni e che è in linea con quello nazionale: “Questo incontro ci ha rassicurato che siamo sulla strada giusta. Sono stati fatti degli errori, ma stiamo rimediando”.

L’assessora ribadisce di voler raggiungere durante la fase massiva “140.000 somministrazioni al giorno piĂą 30.000 negli ospedali e nelle aziende”, un terzo insomma dell’obiettivo nazionale di mezzo milione di vaccinazioni al giorno. A patto che, ovviamente, siano disponibili “i vaccini e il personale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Elezioni regionali Basilicata, secondo giorno di voto: seggi aperti fino alle 15

(Adnkronos) - Si sono riaperte alle 7 le urne in Basilicata per l'elezione del presidente della giunta regionale e per il rinnovo del Consiglio regionale della dodicesima legislatura. Si vota sino alle 15, subito dopo la chiusura dei seggi inizierà lo spoglio.  Ieri nella domenica del voto l'affluenza è stata del 37,74% dei circa 568mila

Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024

RIPRODUZIONE RISERVATA L'articolo Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024 proviene da Agenzia Dire. Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

Basilicata, dalle 7 seggi aperti, si vota fino alle 15

Alla chiusura delle urne inizierà lo spoglio dei voti Potenza, 22 apr. (askanews) – In Basilicata alle 7 hanno aperto i seggi per il secondo giorno delle elezioni regionali. Si vota, con la formula del turno unico, fino alle 15. Ieri alle 23, alla chiusura dei seggi, l'affluenza è stata del 38,26%, in calo rispetto