AstraZeneca, prima ai giovani ora solo over 60: l’esperto spiega perchĂ©

ROMA – All’inizio consigliato solo per gli under 55, poi per gli under 65, quindi ritenuto ‘buono’ per tutti. E ancora: sospeso temporaneamente (per soli tre giorni) a livello precauzionale, dopo casi sospetti di trombosi in giovani vaccinati in Germania, quindi di nuovo somministrato a tutti, fino all’ultima raccomandazione di inocularlo solo agli over 60. Non è una storia ‘lineare’ quella del vaccino anglo-svedese AstraZeneca contro il Covid, che in poco tempo ha subito diversi cambi di indicazione da parte dei decisori, generando così confusione e incertezza tra i cittadini. Ma cosa è accaduto? Per fare un po’ di chiarezza sul tema l’agenzia Dire ha interpellato Massimo Andreoni, direttore scientifico della SocietĂ  italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Tachipirina prima del vaccino AstraZeneca? Sbagliatissimo”

Crisanti: “Immunità di gregge? Nella migliore delle ipotesi la sfioreremo soltanto”

“All’inizio, quando per il vaccino AstraZeneca è stata presentata la documentazione necessaria per la registrazione da parte dell’Ema- spiega Andreoni- sono stati consegnati i dati relativi allo studio di fase 3. In quegli studi i pazienti con etĂ  superiore ai 55 anni erano rappresentati in una numero che è stato ritenuto da Ema troppo basso, quindi c’erano troppe poche persone di etĂ  superiore ai 55 anni affinchĂ© Ema stabilisse che il vaccino era indicato in quella popolazione. Quindi il vaccino è stato registrato solo per soggetti sotto i 55 anni. Successivamente, in considerazione del fatto che il siero, soprattutto in Gran Bretagna, era stato somministrato a molte persone con un’etĂ  superiore ai 55 anni, sono stati raccolti da Ema i dati relativi alla vaccinazione in questa classe d’etĂ ; per cui Ema, a quel punto, ha ritenuto che c’era una sufficiente quantitĂ  di dati per poter indicare il vaccino anche nella popolazione al di sopra dei 65 anni di etĂ ”.

PiĂą recentemente sono stati invece “descritti in persone di etĂ  inferiore ai 50 anni episodi di trombosi grave a livello cerebrale- spiega ancora Andreoni alla Dire- quindi è stato fatto il passaggio ulteriore, cioè è stato detto ‘consigliamo l’uso nelle persone con piĂą di 60 anni’; questa però è stata una considerazione non di Ema ma di alcuni Stati”. Dunque è stata questa la ‘storia’ del vaccino AstraZeneca. Quanto alla ‘stranezza’ per cui prima non si poteva dare agli anziani e adesso invece è in qualche modo la categoria piĂą indicata- chiarisce di nuovo il direttore scientifico della Simit- nasce da questo percorso un po’ tortuoso sul fatto che nella registrazione (iniziale, ndr) del vaccino c’erano pochi dati sui pazienti oltre una certa etĂ , che sono stati poi raccolti successivamente. Per questo alla fine è stato ‘sdoganato’ anche per le persone piĂą anziane”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sondaggio Dire-Tecnè verso le Europee: FdI in testa e Meloni prima tra i leader

ROMA – Continua a calare la fiducia degli italiani nel governo Meloni. E’ quanto emerge da un sondaggio Dire-Tecnè con interviste effettuate tra l’11 e il 12 aprile.Il 53,6% degli elettori non ha fiducia nell’esecutivo, percentuale in salita dello 0,1% rispetto a una settimana fa. Aumenta però, seppur di poco, anche la percentuale di chi

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile all'AAMOD a Roma Roma, 13 apr. (askanews) – Verrà proiettato il 16 aprile alle 18 nella Sala Zavattini dell'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico il documentario di Sabrina Varani "Rwanda, Il Paese delle donne". Il documentario sarà introdotto dal presidente della Fondazione AAMOD Vincenzo Maria

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell'ultimo rapporto mensile dell'associazione bancaria Roma, 13 apr. (askanews) – Continua a marzo il calo dei prestiti delle banche a famiglie e imprese, un andamento, spiega l'ultimi rapporto Abi diffuso oggi "coerente con il rallentamento della crescita economica". A marzo i prestiti a imprese e famiglie sono scesi del 2,6% rispetto a un