Autostrade, parenti vittime Ponte Morandi: “Schifati da trattative per Aspi”

GENOVA – “Siamo per l’ennesima volta senza parole e anche francamente schifati. Pare che molti tendano a dimenticarsi tutto quello che ha causato questa azienda e tutto quello che sta emergendo con forza (prova sono le migliaia di cantieri che stanno popolando le nostre autostrade)”. Così, in un lungo comunicato, la presidente del Comitato ricordo vittime Ponte Morandi, Egle Possetti, commentando gli ultimi sviluppi della trattativa per l’acquisto di Aspi.

“Pare che una società spagnola sia in procinto di offrire circa 10 miliardi- prosegue, riferendosi alla proposta di Acs di Florentino Perez- questa azienda è in società con Atlantia in Spagna per un’altra concessione autostradale. Ne deduciamo che abbiano apprezzato la remunerazione dei capitali per questa attività in Italia”.

Per Possetti, “la tragedia covid, purtroppo, oltre a distruggere vite ed economia, ha fatto placidamente assopire l’attenzione sulla vicenda autostrade. La nostra Cassa depositi e prestiti ha innalzato in questi mesi i capitali sul piatto per la gestione dell’acquisto, intanto le intercettazioni sembrano non fare più notizia. Noi pensiamo che, se guardassimo in modo asettico la vicenda, oltre che inorridire per tutto ciò che abbiamo letto in questi mesi, dovremmo tutti insieme porre una pietra tombale sulle pretese degli azionisti”.

La portavoce dei familiari delle vittime della tragedia del 14 agosto 2018 attacca anche “le parole che pare provengano da un altro azionista di Atlantia che quasi sembrano essere un ordine al governo italiano: ‘Il governo dovrebbe permettere ad Aspi di essere venduta al miglior offerente senza interferenza politica’. Il nostro governo adesso deve ricevere ordini dai gruppi finanziari? Certo, lo possiamo immaginare che i gruppi finanziari tentino delle pressioni, ma vedere scritte queste frasi da parte nostra, come parenti di 43 persone uccise, non è francamente accettabile”.

Insomma, va avanti Possetti, “diamo il valore che si vuole ad Atlantia, ma prima di far incassare la vendita come Stato dovremo trattenere tutti i costi diretti e indiretti, passati e ponderati futuri, che questa azienda ha causato e che sono sotto gli occhi di tutti”.

Infine, conclude, “il nuovo gestore dovrà essere controllato e monitorato in modo efficace perché la nostra vita deve contare più di ‘quattro soldi’. Vorremmo vedere più serietà e determinazione intorno a noi, lo speriamo anche per non continuare a far rivoltare nella tomba i nostri padri costituenti. Noi siamo qui e continuiamo a lottare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ucraina, Consiglio Ue: “Fornire difesa aerea, urgente invio missili e munizioni”

(Adnkronos) - "Il Consiglio europeo sottolinea il bisogno di fornire con urgenza sistemi di difesa aerea all'Ucraina e di velocizzare e intensificare l'invio di tutta l'assistenza militare necessaria, inclusi munizioni per l'artiglieria e missili. Invita il Consiglio, in particolare nel prossimo summit, e gli Stati membri ad assicurare il necessario seguito". E' quanto si legge

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere Bruxelles, 17 apr. (askanews) – Il giorno dopo il discorso di Mario Draghi a Bruxelles, con la richiesta di un "cambiamento radicale" dell'Unione europea, fa discutere la possibilità di un incarico di vertice – Consiglio europeo o Commissione – per l'ex banchiere centrale e primo ministro.

Porta un morto in banca: “E’ mio zio, deve farmi un prestito”

(Adnkronos) - Porta un morto in banca e prova a far firmare il cadavere per ottenere un prestito di 3000 euro. E' la surreale vicenda che in Brasile coinvolge una donna, Erika de Souza Vieira, arrestata a Rio de Janeiro. La donna si è presentata in una banca della zona di Bangu con un uomo