Contributivo, riscatti soft

Riscatto soft degli studi in caso di opzione donna o di opzione per la pensione contributiva. In entrambi i casi, infatti, anche se il periodo universitario si colloca nel «sistema retributivo» di calcolo della pensione (cioè prima del 1° gennaio 1996) il riscatto avverrĂ  con le regole del «sistema contributivo» con possibilitĂ  di scelta, per il lavoratore, del calcolo soft degli oneri. A precisarlo è l’Inps nella circolare n. 54/2021. L’onere di riscatto. L’onere di un riscatto contributivo (cioè i contributi da versare per ottenere la validitĂ  del periodo riscattato a fini di diritto e/o misura della pensione), spiega l’Inps, è determinato con il criterio c.d. «a percentuale», se il periodo da riscattare si colloca dal 1° gennaio 1996 (da quando vige il «sistema contributivo» di calcolo della pensione); ovvero con il criterio c.d. della «riserva matematica», se il periodo da riscattare si colloca prima del 1° gennaio 1996 (fino a quando vige il «sistema retributivo» di calcolo della pensione). La regola vale per ogni tipo di riscatto (lavoro all’estero; astensione facoltativa fuori rapporto di lavoro; periodo studi ecc.). Riscatto soft degli studi. Solo per il riscatto dei periodi di studi il di n. 4/2019, ricorda l’Inps, ha previsto un alternativo criterio di calcolo dell’onere, sempre «a percentuale», se il periodo da riscattare si colloca nel «sistema contributivo»: accanto a quello ordinario (il 33% della retribuzione ultimi 12 mesi), infatti, a scelta dell’interessato, è possibile il criterio soft (il 33% del minimo contributivo di artigiani e commercianti: 15.953 euro nel 2021, per cui il costo per un anno di studio è di 5.264 euro). Opzione per la pensione contributiva. Qualora il corso di studi dovesse collocarsi in parte nel «sistema retributivo» e in parte anche nel «sistema contributivo», l’onere di riscatto è determinato utilizzando entrambi i criteri: A. «riserva matematica» per i periodi che si collocano nel «sistema retributivo»; B. «a percentuale» per i periodi del «sistema contributivo», con scelta dell’interessato tra: criterio «a percentuale» «ordinario» e criterio «a percentuale» «soft». Tale scelta, precisa l’Inps, riguarda l’intero periodo del corso di studi, anche per la quota parte che ricade nel «sistema retributivo» in caso di esercizio, da parte dell’interessato, di una delle facoltĂ  per il calcolo della pensione esclusivamente con il sistema contributivo: «opzione donna» oppure «opzione per la pensione contributiva». In questi casi, pertanto, anche per il periodo di studi che si colloca nel «sistema retributivo», l’onere del riscatto è determinato con il criterio «a percentuale»: «ordinario» oppure «soft», secondo la scelta dell’interessato.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sondaggio Dire-Tecnè verso le Europee: FdI in testa e Meloni prima tra i leader

ROMA – Continua a calare la fiducia degli italiani nel governo Meloni. E’ quanto emerge da un sondaggio Dire-Tecnè con interviste effettuate tra l’11 e il 12 aprile.Il 53,6% degli elettori non ha fiducia nell’esecutivo, percentuale in salita dello 0,1% rispetto a una settimana fa. Aumenta però, seppur di poco, anche la percentuale di chi

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile all'AAMOD a Roma Roma, 13 apr. (askanews) – Verrà proiettato il 16 aprile alle 18 nella Sala Zavattini dell'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico il documentario di Sabrina Varani "Rwanda, Il Paese delle donne". Il documentario sarà introdotto dal presidente della Fondazione AAMOD Vincenzo Maria

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell'ultimo rapporto mensile dell'associazione bancaria Roma, 13 apr. (askanews) – Continua a marzo il calo dei prestiti delle banche a famiglie e imprese, un andamento, spiega l'ultimi rapporto Abi diffuso oggi "coerente con il rallentamento della crescita economica". A marzo i prestiti a imprese e famiglie sono scesi del 2,6% rispetto a un