Costa: “Se c’è l’ok per gli Europei, allora pensiamo anche a riaprire altro”

ROMA – Lo sport, gli Europei di calcio soprattutto, possono fare da apripista: dopo l’apertura ufficializzata per le gare di Roma del torneo continentale che inizia l’11 giugno, si può riflettere anche su altre aperture. È quanto emerso al tavolo tecnico ‘La Salute nello Sport’, fortemente voluto dal sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa. “Perché non fare una riflessione anche su eventi sportivi che sono prima dell’11 giugno?- ha detto Costa. Mi viene da pensare alla finale di Coppa Italia, con percentuali inferiori. Da 0 a 25%, in mezzo qualcosa ci sta. Se siamo convinti che è un principio corretto, ed è una strada per ridare fiducia, possiamo fare delle riflessioni che ci permettano di aprire ad altri eventi. Con presenze inferiori, con sicurezza. È uno sforzo che la politica deve fare. C’è l’ultima partita di campionato, anche su quella si può fare una riflessione. Ci sono gli Internazionali qui a Roma, dal 3 al 16 maggio, per esempio la finale. Se è passato un principio, se il Governo ha dato l’ok per gli Europei, si può pensare ad altri eventi”.

“Lo sport è importante, la politica ha davanti una grande sfida- ha detto ancora Costa- È l’occasione per riallacciare la fiducia con i cittadini. Nessuno nega che la pandemia è in corso. Ma siamo consapevoli che il piano vaccinale sta andando avanti. Bisogna tenere conto di quello che è lo scenario, che ogni giorno cambia. Devono essere dati segnali di apertura. Possiamo allentare la tensione nel paese. Ci sono condizioni per pianificare riaperture, con date certe, scadenze. Dobbiamo dire oggi che magari da giugno si può mettere in moto la macchina organizzativa. Per le palestre il ragionamento non è ultimo. Va di pari passo con le prime aperture. Studi dicono che palestre sono luoghi sicuri, come le scuole. Non ci sono focolai”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Fisco,Meloni: tasse non sono una cosa bellissima, sono necessarie

Contribuente non è suddito, con noi record recupero evasione Roma, 19 apr. (askanews) – "Il contribuente non è un suddito, è un cittadino, io sono per un fisco amico che non ti vessa con un livello di servizi che non corrisponde alle tasse che paghi, che ti chiede di pagare il giusto in tempi ragionevoli

Vinitaly, Consorzio Lugana: 2.000 calici versati e masterclass sold out

Peduto: a Verona emersa importanza di evolvere il linguaggio del vino Milano, 19 apr. (askanews) – A Vinitaly 2024 sono stati duemila i calici di Lugana Doc assaggiati allo stand del Consorzio e millecinquecento quelli serviti durante "Vinitaly and The City", la manifestazione dedicata ai winelovers nel centro di Verona, che ha visto la Denominazione

Driverso: in Ue fatturato a 169 mln per car hiring d’alta gamma, 45 mln in Italia

(Adnkronos) - Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. E per quanto riguarda l'Italia i dati parlano di 45 milioni di euro di fatturato con circa 1000 auto. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis