Donna precipita dal quarto piano di un edificio del Centro direzionale di Napoli

NAPOLI – C’è un telo bianco che copre il corpo di una donna riverso in una pozza di sangue, non distante dal cadavere c’è uno stivale. Alzando lo sguardo una finestra aperta al quarto piano di un condominio che ospita uffici. Questa la scena che si presenta a ridosso di un edificio dell’Isola G del Centro direzionale di Napoli da dove, intorno alle 13:30, la donna è precipitata. L’intera area è interdetta dalle forze dell’ordine. Sul luogo anche la polizia scientifica che ha ultimato i rilievi esterni. Altri sopralluoghi sono in corso nello stabile.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Infrastrutture, Accenture: “La trasformazione digitale è la chiave per lo sviluppo”

(Adnkronos) - "L’utilizzo delle tecnologie innovative è fondamentale per la pianificazione, la costruzione e il monitoraggio delle infrastrutture stradali, ferroviarie, portuali, aereoportuali e logistiche nel nostro Paese. Il digitale - e l’intelligenza artificiale in particolare - rappresenta una delle sfide e delle opportunità più rilevanti del nostro tempo ed è cruciale che l'Italia si posizioni

Udinese, allenatore Gabriele Cioffi esonerato

(Adnkronos) - "Udinese Calcio comunica di aver sollevato Gabriele Cioffi dall'incarico di allenatore responsabile della prima squadra". Lo fa sapere il club dal suo sito. "Al mister i ringraziamenti per la professionalitĂ  dimostrata e il lavoro svolto durante questi mesi, a lui i migliori auguri per il prosieguo di carriera. Il Club ringrazia anche i

Ipereosinofilia complessa, esperte: “Per diagnosi serve team multidisciplinare”

(Adnkronos) - "La sindrome ipereosinofila è una malattia caratterizzata dalla presenza di ipereosinofilia, ossia di un valore di eosinofili", un tipo di globuli bianchi del sistema immunitario, "a livello ematico superiore a 1.500, e da un danno d'organo mediato da questi granulociti eosinofili. La diagnosi è complessa in quanto" la malattia "ha un interessamento multiorgano