Draghi: “Dal 26 aprile tornano le zone gialle, rischio ragionato per rilanciare il paese”

ROMA – “Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e con fiducia. Le decisioni di stamattina anticipano al 26 di questo mese l’introduzione della zona gialla, ma introducono un cambiamento rispetto al passato nel senso che si da’ precedenza alle attivita’ all’aperto e alle scuole. Tutte le scuole riaprono completamente in presenza nelle zone gialle e arancione”. Così il premier Mario Draghi, in conferenza stampa, spiega la decisione del governo di anticipare il ritorno della zona gialla consentendo, ma solo all’aperto, la ristorazione, le attivitĂ  sportive e gli spettacoli. SarĂ  possibile mangiare fuori anche di sera, ma con l’obbligo di rispettare il coprifuoco che resta fissato alle ore 22 mentre ci sarĂ  la ripresa delle attivitĂ  didattica in presenza per le scuole di ogni ordine e grado in zona gialla ed arancione, ma non in zona rossa.

“Con la decisione di oggi- spiega Draghi- il governo ha preso un rischio, un rischio ragionato fondato sui dati che sono in miglioramento. Ma non in miglioramento drammatico. Sono in miglioramento. Questo rischio, che sicuramente incontra le aspettative dei cittadini, si fonda su una premessa: che questi provvedimenti siano osservati scrupolosamente con mascherine, distanziamenti, e occorrerĂ  una sensibilizzazione particolare da parte delle regioni, delle autoritĂ  e delle forze dell’ordine. In questo modo questo rischio ragionato si traduce in un’opporrtunita’ straordinaria”.

“La campagna vaccinale continua ad andare bene, con tante sorprese, negative, ma anche positive”. La probabilitĂ  che, dopo le aperture, si debba tornare indietro “è molto bassa”. Si tratta, spiega il premier, di misure che “portano maggiore serenitĂ  nel Paese e gettano le basi per il rilancio dell’economia”.

“Il declino delle curve” epidemiologiche, chiarisce Draghi “è continuo e lo è stato nelle ultime settimane. Ma è meno marcato di quanto ci sarebbe potuto aspettare sulla base di varianti diverse. E’ un passo che prendiamo con il sostegno e il conforto dei dati in particolare per le attivita’ all’aperto. Ma poi tutti i comportamenti di cui parlavo prima sono assolutamente necessari”.

DRAGHI: SPERANZA VOLUTO IO, CRITICHE INFONDATE FIN DALL’INIZIO

“Le critiche al ministro Speranza dovevano trovare pace fin dall’inizio: non erano nĂ© fondate nĂ© giustificate. Come ho detto l’altra volta lo stimo e l’ho voluto io nel governo”, dice Draghi. “Ringrazio il ministro Speranza per tutto il lavoro che precede questa decisione e che l’ha permessa”.

“Non ho fatto nessun appello all’unitĂ  non c’è bisogno di farlo. E’ insita nella nascita del governo. Quello che posso dire è che l’atmosfera nel governo e nei consigli dei ministri è eccellente e lo può confermare qualunque ministro di questo governo”, ribadisce il premier.

DRAGHI: 3% DEBITO/PIL NEL 2025, SCOMMETTIAMO SULLA CRESCITA E DEBITO BUONO

“Solo nel 2025 si vedrĂ  il 3%” del rapporto tra deficit e pil: “è una scommessa sulla crescita: se sarĂ  quello che ci attendiamo da tutti i provvedimenti e le riforme, la scommessa la vinciamo senza pensare nemmeno a una manovra correttiva negli anni a venire. Usciremo dal debito con la crescita, una crescita sostenibile. Noi stiamo facendo e faremo debito, questa è una scommessa sul debito buono”. Così Mario Draghi, in conferenza stampa.

“Io e il ministro Giovannini- aggiunge il premier- abbiamo nominato 57 commissari per 57 opere. Opere giĂ  finanziate e deliberate, che aspettavano di essere attuate. Abbiamo sentito altri elenchi di opere fantastiche, la domanda era quando le vedremo? Il ministro Giovannini ha preparato per il pomeriggio un cronoprogramma con le aperture dei cantieri, potrete controllore cosa ha detto e cosa farĂ  il governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele e Ucraina, Erdogan scrive al Papa: “Insieme per la pace, alziamo la voce”

(Adnkronos) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha scritto a "Sua SantitĂ  Papa Francesco, Guida Spirituale del Mondo Cattolico" per sottolineare la necessitĂ  che "la comunitĂ  internazionale agisca in cooperazione e coordinamento" per "le sfide che dobbiamo affrontare". Tra queste, Erdogan ha citato "in particolare gli attacchi indiscriminati israeliani a Gaza, dove si muore

Lotito: “Luis Alberto ha un contratto con la Lazio, non va via gratis”

(Adnkronos) - "Luis Alberto? Probabilmente vuole andare via gratis. E invece no, ha un contratto di quattro anni, è un tesserato. Porti lui la squadra" che lo vuole. Risponde così all'Adnkronos il presidente della Lazio, Claudio Lotito, sulle dichiarazioni di ieri del giocatore che alla fine del match contro la Salernitana, vinto 4-1 dai biancazzurri

“Ringraziate l’ammazza orsi”, danni per 60mila euro alla vigna dei familiari di Fugatti

(Adnkronos) - Distrutte un centinaio di viti per un danno, non assicurato, da 60mila euro come rappresaglia nei confronti del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e della sua politica sull'abbattimento degli orsi.  E' l'azione messa in atto da un gruppo di attivisti nei confronti dei familiari di Fugatti, proprietari delle piante del