Egitto, scarcerato il giornalista Khaled Dawoud

ROMA – La magistratura egiziana ha disposto il rilascio del giornalista Khaled Dawoud, che resta però accusato dalla Procura di aver “consapevolmente” aiutato un gruppo terrorista a “raggiungere i suoi obiettivi, pubblicando e diffondendo fake news, anche tramite i social network”. Lo riferisce uno dei principali quotidiani egiziani, Al-Ahram.

Dawoud ha svolto l’incarico di co-segretario e portavoce del partito di centrosinistra Dostour (Costituzione) – istituito dal politico ed intellettuale Mohammad El-Baradei per “salvare i valori della rivoluzione del 25 gennaio”. Dawoud diede le sue dimissioni nel 2015 per divergenze di vedute coi vertici del partito.

Il giornalista è una voce preminente nel panorama intellettuali egiziano. Co-direttore della rivista Al-Ahram Weekly, inserto settimanale in lingua inglese del quotidiano Al-Ahram, e professore all’American University in Cairo (Auc), Dawoud non ha fatto mistero delle sue critiche ai governi succeduti al presidente Hosni Mubarak, costretto alle dimissioni dopo le rivolte popolari del 2011.

Fu un fermo oppositore del presidente Mohamed Morsi ma lo è stato anche di quello attuale, guidato da Abdel Fattah al-Sisi, denunciando le violazioni contro i diritti umani e spendendosi a favore della democrazia e delle istanze rivendicate dal movimento popolare di piazza Tahrir. È stato arrestato a settembre del 2019 e accusato per reati collegati al terrorismo.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sassuolo-Milan 3-3, rimonta rossonera e Pioli si salva

(Adnkronos) - Sassuolo e Milan pareggiano 3-3 nel match pirotecnico della 32esima giornata della Serie A 2023-2024. Il Milan è secondo a 69 punti, a -13 dall'Inter capolista che può ulteriormente allungare e blindare lo scudetto. Il Sassuolo è penultimo a 26.  Partenza a razzo del Sassuolo. I padroni di casa quasi sbloccano la partita al

La dichiarazione dei leader del G7: ferma condanna attacco dell’Iran, le parti si astengano da nuove azioni

"Pieno sostegno alla sicurezza di Israele" Roma, 14 apr. (askanews) – "I leader G7 hanno adottato una dichiarazione congiunta che condanna fermamente il lancio di droni e missili dall'Iran, ribadendo pieno sostegno alla sicurezza di Israele". E' quanto si legge in un comunicato stampa al termine del vertice in videoconferenza presieduto dalla presidente del Consiglio

G7, von er Leyen: valutiamo sanzioni all’Iran

"Solidarietà e sostegno al popolo di Israele" Roma, 14 apr. (askanews) – "Oggi noi, i leader del G7, abbiamo condannato con la massima fermezza l'attacco senza precedenti dell'Iran contro Israele. Esprimiamo la nostra solidarietà e il nostro sostegno al popolo di Israele e riaffermiamo il nostro impegno per la sua sicurezza. Continueremo a lavorare per