Fidenza, 400 euro per un galleggiante: idraulico condannato al risarcimento

FIDENZA – Quattrocento euro per cambiare in pochi minuti il galleggiante dello scarico del wc. Questo il conto che un idraulico di Fidenza ha presentato a una signora che si era rivolta a lui cercando su Internet un artigiano disponibile nella sua zona e trovando l’annuncio tramite un portale web di pronto intervento H24.

La donna ha pagato il conto, pur protestando, e nei giorni seguenti ha deciso di rivolgersi a Federconsumatori Parma. Come lei a Fidenza hanno fatto anche altri, tanto che tra il 2019 e il 2020, l’associazione di tutela dei consumatori ha collezionato numerose altre segnalazioni riguardanti lo stesso idraulico che si propone anche come muratore e come factotum, sempre a prezzi salatissimi: per sfilare una chiave rotta in una serratura si è fatto pagare ben 350 euro, mentre un piccolo intervento di muratura di un’ora, è costato al malcapitato 800 euro.

“L’artigiano è ben organizzato -spiega Federico Gennari, avvocato di Federconsumatori- non fornisce preventivi, si presenta nelle abitazioni armato di Pos e pretende il pagamento immediato, onde evitare ripensamenti. In piĂą, promette fatture che poi non emette. Non escludiamo che altri nostri associati intendano procedere. A tutti possiamo consigliare di chiedere sempre un preventivo prima di qualsiasi lavoro e di prendere tempo in caso di richieste particolarmente esose”. Il caso del galleggiante pagato 400 euro è finito davanti al Giudice di pace che ha condannato l’idraulico al rimborso di 250 euro e al pagamento delle spese legali e accessorie (oltre 700 euro). La sentenza è passata in giudicato e nei giorni scorsi è stato notificato l’atto di pignoramento del conto corrente dell’artigiano. “Si tratta di una sentenza importante perché rappresenta un punto di riferimento per tutti i consumatori vittime di comportamenti truffaldini da parte di artigiani scorretti. Questi soggetti naturalmente non rappresentano affatto tutta la loro categoria, anzi sono le cosiddette pecore nere ma agiscono in modo seriale e fanno parecchi danni. I consumatori non devono invece scoraggiarsi e subire passivamente la truffa, magari per vergogna di essere stati fregati. Con questa causa, che la nostra associazione ha sostenuto, abbiamo voluto indicare un percorso per ottenere giustizia. Sarebbe importante con le associazioni professionali condurre una campagna di informazione a tutela dei consumatori e degli artigiani onesti, riprendendo un percorso che si è interrotto a causa della pandemia”.

LEGGI ANCHE: Bologna, punto tamponi all’aeroporto: primo passo per voli Covid free

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Elezioni regionali Basilicata, secondo giorno di voto: seggi aperti fino alle 15

(Adnkronos) - Si sono riaperte alle 7 le urne in Basilicata per l'elezione del presidente della giunta regionale e per il rinnovo del Consiglio regionale della dodicesima legislatura. Si vota sino alle 15, subito dopo la chiusura dei seggi inizierà lo spoglio.  Ieri nella domenica del voto l'affluenza è stata del 37,74% dei circa 568mila

Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024

RIPRODUZIONE RISERVATA L'articolo Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024 proviene da Agenzia Dire. Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

Basilicata, dalle 7 seggi aperti, si vota fino alle 15

Alla chiusura delle urne inizierà lo spoglio dei voti Potenza, 22 apr. (askanews) – In Basilicata alle 7 hanno aperto i seggi per il secondo giorno delle elezioni regionali. Si vota, con la formula del turno unico, fino alle 15. Ieri alle 23, alla chiusura dei seggi, l'affluenza è stata del 38,26%, in calo rispetto