Genocidio in Ruanda, la Francia declassifica i documenti di Mitterand

ROMA – Circa 8mila documenti, relativi al periodo tra il 1990 e il 1994 che precedette il genocidio in Ruanda, sono stati declassificati oggi in Francia. Le testimonianze provengono dagli archivi dell’ex presidente Francois Mitterand e del suo primo ministro Edouard Balladur. A questi documenti ha avuto accesso nei mesi scorsi una commissione d’inchiesta nominata dall’Eliseo per indagare sulle responsabilitĂ  francesi nel periodo precedente le stragi, cominciate dopo l’abbattimento con un missile dell’aereo a bordo del quale viaggiava l’allora presidente ruandese Juvenal Habyarimana.

COSA DICE IL REPORT

Secondo la commissione d’inchiesta francese, nominata con decreto del capo dello Stato Emmanuel Macron e coordinata dallo storico Vincent Duclert, nei primi anni Novanta del secolo scorso Parigi ebbe “responsabilitĂ  gravi e decisive”. Nel rapporto conclusivo dell’indagine, diffuso a fine marzo, non emerge però alcun coinvolgimento diretto della Francia nelle violenze.

La declassificazione dei documenti è coincisa con il 27esimo anniversario dell’inizio delle stragi, in quella che sulla base di una decisione delle Nazioni Unite è celebrata oggi come Giornata mondiale della memoria in onore delle vittime del genocidio in Ruanda. Tra l’aprile e il luglio 1994, furono uccise almeno 500mila persone, perlopiĂą tutsi ma anche hutu contrari alle violenze.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele-Iran, medico italiano a Tel Aviv: “Balli in spiaggia dopo notte di tensione” – Video

(Adnkronos) - Balli di gruppo sulla spiaggia di Tel Aviv, mentre in riva al mare giovani giocano a pallavolo e prendono il sole. Famiglie che passeggiano con i bambini piccoli e c'è anche chi fa jogging e va in bicicletta. Mamme infastidite con le autorità per la decisione di chiudere gli asili e le scuole

Roma, bus a fuoco: bruciate anche un’auto in sosta, gazebo e alberi. Tre persone intossicate

(Adnkronos) - Nuovo bus in fiamme a Roma. Oggi, 14 aprile, intorno alle 13 un incendio ha coinvolto in via di Tor Sapienza, all’incrocio con via Luigi Alemanni, un autobus di linea della Tevere Tpl. Le fiamme si sono poi estese a una macchina in sosta, oltre a delle alberature sulla strada e ai gazebo

Finito il G7, Netanyahu avrebbe deciso di non attaccare subito l’Iran dopo richiesta Biden

BOLOGNA – Inizialmente, Israele aveva deciso di attaccare subito l’Iran in risposta all’attacco con droni della scorsa notte. Dopo una telefonata intercorsa però tra il primo ministro Benjamin Netanyahu con il presidente Usa Joe Biden, secondo fonti citate dal New York Times, Tel Aviv avrebbe deciso di posticipare la mossa, e per bocca del ministro del