Inaugurata la Ciclovia del Sole da Mirandola a Sala Bolognese. Cassani: “È un gioiello”

BOLOGNA – La Ciclovia del Sole? “Un vero e proprio spettacolo, un gioiello”. Parola di Davide Cassani, commissario tecnico della nazionale di ciclismo e presidente dell’Apt dell’Emilia-Romagna, che stamattina a Crevalcore partecipa all’inaugurazione del tratto sull’ex ferrovia Bologna-Verona da Mirandola a Sala Bolognese: 46 chilometri realizzati in due anni dalla CittĂ  metropolitana di Bologna con un costo di cinque milioni di euro, grazie al finanziamento del ministero dell’Ambiente e alla disponibilitĂ  di Rete ferroviaria italiana (gruppo Fs) che ha concesso l’uso del tracciato.

Grazie all’apertura di questo nuovo tratto la Ciclovia del Sole, che fa parte del grande itinerario ciclabile europeo Eurovelo7 Capo Nord-Malta, “sarĂ  di fatto percorribile da Bolzano a Bologna- ricorda la CittĂ  metropolitana- mentre sono giĂ  finanziate e in parte realizzate alcune parti del tracciato Bologna-Firenze (4,5 milioni di euro per la connessione Sala Bolognese-Bologna, 4,5 milioni di euro per la Casalecchio-Marzabotto e 2,5 milioni per la Marzabotto-Silla, oltre ai sette milioni di euro per il tratto toscano)”. Entusiasta Cassani: “Questo è il turismo del futuro”, perchĂŠ “la bici è un viaggio dentro al paesaggio, è scoperta ed esplorazione, il ciclista sa che pedalando si viaggia e viaggiando si impara”. Inoltre, lungo la Ciclovia saranno a disposizione “aree di sosta dov’è possibile prendere un po’ d’acqua e caricare la batteria del telefonino e della bici, c’è il wi-fi: è veramente una ciclovia 3.0 e dĂ  la possibilitĂ  di divertirsi”, assicura Cassani, che nei giorni scorsi ha potuto percorrere il nuovo tratto in anteprima realizzando un video presentato oggi durante l’inaugurazione.

Itinerari di questo tipo, sulle due ruote, consentono di “andare alla scoperta di territori che difficilmente senza la bicicletta potresti scoprire”, aggiunge l’ex ciclista professionista. “Siamo entusiasti di sapere che il tratto sull’ex Bologna-Verona è stato completato”, afferma in un messaggio video la ceo dell’European cyclists’ federation, Jill Warren. In giornate come questa “si percepisce una generale consapevolezza che investire in ciclabilitĂ  fa bene al nostro Paese”, sottolinea Antonio Dalla Venezia, presidente del comitato tecnico-scientifico di Bicitalia-Fiab.

“Mi piace pensare che oggi sia una giornata di festa perchĂŠ stiamo inaugurando un altro modello di sviluppo”, dichiara Paolo Pileri, ideatore e responsabile della Ciclovia Vento (Venezia-Torino) Eurovelo 8. È pronto a sperimentare la nuova Ciclovia il giornalista e cicloturista Mario Calabresi, perchĂŠ in un territorio vario come quello italiano la bici “dĂ  la possibilitĂ  di scoprire cose che prima non erano nel circuito turistico”, visto che “ogni cinque chilometri tutto cambia completamente” in termini di cultura, tradizioni e gastronomia.

LEGGI ANCHE: Comunali Bologna, Conti: “Corro per me, così è una lotta nel fango”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Omicidio Ciatti, Cassazione conferma condanna a 23 anni di carcere per Bissoultanov

(Adnkronos) - Confermata in Cassazione la condanna a 23 anni di carcere per Rassoul Bissoultanov, il ceceno, tuttora latitante, per aver pestato e ucciso Niccolò Ciatti nella notte tra l’11 e il 12 agosto 2017 fuori da una discoteca di Lloret de Mar in Spagna.  I supremi giudici della prima sezione penale, accogliendo quanto chiesto

SostenibilitĂ , Dentis (Coripet): “Importante scadenza 2025 plastica riciclata in bottiglie Pet”

(Adnkronos) - A partire dal 1 gennaio “2025 le bottiglie per bevande in PET” dovranno contenere “almeno il 25% di plastica riciclata. Questa scadenza cambia radicalmente quello che è stato l'approccio finora alla riciclabilità e a quella che è la politica industriale. Siamo partiti da lontano, con quella che era una volontà dell'Europa di raccogliere

Scuola, il pediatra: “Troppo caldo in estate, giusto stop di 3 mesi accorciare altre vacanze”

(Adnkronos) - "Troppi tre mesi di pausa estiva per gli studenti italiani? Io al contrario da tempo ho proposto addirittura la riapertura delle scuole" non a settembre, ma "al primo ottobre. Il motivo è semplice e riguarda la temperatura. Con il riscaldamento climatico che c'è, le alte temperature non favoriscono l'apprendimento e la frequenza scolastica.