Inchiesta casi Covid Sicilia, Musumeci risponde alle accuse: “Sciacalli ballano sui leoni”

PALERMO – “In questi giorni ho visto tanti sciacalli ballare sui leoni in difficoltà: divertitevi, tanto i leoni resteranno leoni e gli sciacalli resteranno sciacalli”. Così il governatore siciliano Nello Musumeci ha concluso il suo intervento all’Ars, replicando ai deputati intervenuti nel dibattito sull’inchiesta relativa ai dati Covid che ha portato alle dimissioni dell’assessore alla Salute Ruggero Razza.

LEGGI ANCHE: Sicilia, dati falsi sulla pandemia: tre arresti, indagato assessore alla Salute

Nella sua replica alle osservazioni dei deputati dell’Ars il governatore ha poi dichiarato: “È ormai abitudine di una certa politica siciliana, la peggiore e più volgare, dovere cogliere le occasioni dei fatti giudiziari per imbastire processi sommari ed emettere sentenze di condanna”.”In quest’Aula – ha ricordato – ci sono deputati indiziati, altri rinviati a giudizio ma mai da parte del centrodestra o di chi vi parla – rivolgendosi ai parlamentari presenti a Sala d’Ercole – è stata tentata, neppure a denti stretti, una manovra speculativa o una battuta. È la politica della responsabilità e del garantismo”. E sulle richieste di dimissioni giunte dalle opposizioni, Musumeci ha affermato: “Un avversario va combattuto giorno dopo giorno sul terreno della politica, chiedere le dimissioni a chi è stato eletto è un segno di debolezza”.

LEGGI ANCHE: Inchiesta falsi dati Covid in Sicilia, De Luca furioso: “Musumeci si dimetta”

MUSUMECI: “DA RAZZA LEZIONE DI STILE”

Parlando di Razza, che si è dimesso dopo avere ricevuto un avviso di garanzia, Musumeci ha affermato: “In tutta questa vicenda la migliore lezione di stile istituzionale l’ha data questo ragazzo di 40 anni dato in pasto alla folla”. “Questo ragazzo – aggiunge – è cresciuto accanto a me e gli voglio bene come se fosse mio figlio, ma non gli ho mai risparmiato contestazioni né critiche. Sta vivendo giornate difficili – ha concluso il governatore rivolgendosi ai deputati presenti in Aula -, potrebbe capitare a ciascuno di voi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sondaggio Dire-Tecnè verso le Europee: FdI in testa e Meloni prima tra i leader

ROMA – Continua a calare la fiducia degli italiani nel governo Meloni. E’ quanto emerge da un sondaggio Dire-Tecnè con interviste effettuate tra l’11 e il 12 aprile.Il 53,6% degli elettori non ha fiducia nell’esecutivo, percentuale in salita dello 0,1% rispetto a una settimana fa. Aumenta però, seppur di poco, anche la percentuale di chi

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile all'AAMOD a Roma Roma, 13 apr. (askanews) – Verrà proiettato il 16 aprile alle 18 nella Sala Zavattini dell'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico il documentario di Sabrina Varani "Rwanda, Il Paese delle donne". Il documentario sarà introdotto dal presidente della Fondazione AAMOD Vincenzo Maria

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell'ultimo rapporto mensile dell'associazione bancaria Roma, 13 apr. (askanews) – Continua a marzo il calo dei prestiti delle banche a famiglie e imprese, un andamento, spiega l'ultimi rapporto Abi diffuso oggi "coerente con il rallentamento della crescita economica". A marzo i prestiti a imprese e famiglie sono scesi del 2,6% rispetto a un