L’italiano alle Canarie racconta: “Qui si fa una vita abbastanza normale”

BOLOGNA – Italiani in zona rossa ma tentati da una vacanza alle Canarie? Comprensibile: a Tenerife “si sta bene, sicuramente meglio che in Italia o in Germania o in Francia dove le restrizioni sono più forti”. Il Covid è una minaccia anche da quelle parti, certo, ma sulle isole si riesce a fare “una vita abbastanza normale”. A parlarne con la ‘Dire’ è l’italiano Luca Di Fabio, che alle Canarie è andato a viverci sette anni fa e abita a Santa Cruz de Tenerife.

I casi di coronavirus “certamente ci sono”, racconta Di Fabio, che si trova momentaneamente in Italia e tornerà a breve nelle Canarie, ma “tra tutte le isole la popolazione è di soli due milioni di persone” e la percezione della pandemia “è molto più blanda che in Italia”. Basti pensare al fatto che “il clima consente di tenere i tavolini fuori tutto l’anno”, spiega Di Fabio, con grandi vantaggi sulla possibilità di frequentare locali e ristoranti. Del resto, traducendo le zone colorate italiane nei numeri spagnoli, “quando c’è il livello 2 si possono usare i dehors e anche il 50% dello spazio interno e, nel saliscendi dei livelli, quando scatta il 3 l’interno del locale deve restare chiuso ma si può comunque usare l’esterno”. In pratica, “le chiusure totali si sono avute solo tra marzo e aprile dell’anno scorso- aggiunge Di Fabio- come in tutto il mondo”. Per il resto, “tra livello 2 e livello 3 in pratica c’è una differenza e cioè che il coprifuoco passa dalle 23 alle 22”, continua Di Fabio: “Per me che non faccio una grande movida, la vita è cambiata poco”. Pesa di più lo sport: “Partite a calcio no, corsa da solo sì”. Ma le opportunità di relax aumentano non poco se dal continente ci si sposta alle Canarie: “Mentre l’Italia è in zona rossa, lì- spiega Di Fabio- si riesce a stare sulle terrazze o in riva al mare anche senza mascherina”.

Insomma, “fare una settimana alle Canarie di questi tempi è una pacchia”, aggiunge Di Fabio, considerando che anche per le spese il periodo è favorevole: “Un hotel che costava 500 euro magari è sceso a 200, pur di lavorare”. Questo perché, parlando di turismo, “la crisi si sta sentendo tantissimo: penso a tutto l’indotto costituito da ristorazione, alberghi, bar e ristoranti. Soprattutto nella zona sud, quella più turistica- spiega Di Fabio- dove alcune attività hanno chiuso definitivamente”. Si tratta di aree paragonabili “a Rimini o Riccione d’estate, ma per quasi tutto l’anno. E adesso lì- racconta Di Fabio- c’è un po’ di movimento solo a ridosso della spiaggia: il baretto sul mare un po’ lavora ma tutto ciò che c’è tra la spiaggia e l’autostrada, è un deserto”.

Nel turismo “si è prodotta tantissima disoccupazione e non si sa se e quando il sistema si riprenderà perché la mazzata è stata forte”, continua Di Fabio: “Alle Canarie dovrà venirne tanta di gente, ma tanta, per riavviare una macchina così grossa”. Va meglio a Santa Cruz, che si trova a nord, perché lì “è tutto più local, ci vivono i canari- spiega Di Fabio- che al ristorante ci vanno, perché con le restrizioni hanno voglia di uscire”. E la campagna vaccinale? “La Spagna si è mossa sulla falsariga dell’Italia sia per le restrizioni che per i vaccini”, riferisce Di Fabio: precedenza ai più anziani e al personale sanitario, quindi. Di Fabio il vaccino lo ha fatto, lavorando come operatore telefonico nel 112: anche a Tenerife “ci sono persone che il vaccino non lo vogliono fare, per un po’ di tare mentali. Mentre io, quando mi è stato proposto, ho detto subito di sì perché l’ho vissuto come un privilegio in questo momento storico”. Resta al momento un rebus, però, il rientro alle Canarie: “Da vaccinato, non so se dovrò fare il tampone o no”.

LEGGI ANCHE: Covid, Galli: “Profondamente sbagliato riaprire le scuole”
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele sotto attacco, Khamenei: “Il regime malvagio sarà punito”

Attacco contro Israele denominato "Promessa onesta" Roma, 13 apr. (askanews) – L'attacco iraniano contro Israele, soprannominato "Promessa onesta", è stato "lanciato con l'approvazione del Consiglio supremo di sicurezza nazionale e sotto la supervisione dello Stato maggiore delle forze armate": lo ha riferito la televisione di Stato iraniana, precisando che i suoi dettagli saranno presto portati

Superenalotto, oggi centrato un ‘5+1’ da oltre 637mila euro

(Adnkronos) - Nessun 'sei' al concorso Superenalotto - SuperStar numero 59 di oggi, 13 aprile 2024. E' stato centrato un '5+1' da 637.069,52 euro. Realizzati anche 31 punti '5' per una quota unitaria da 6.639,44 euro. Il jackpot per il prossimo concorso a disposizione dei punti 'sei' è di 90.400.000 euro. Il concorso di oggi

Attacco Iran, ‘allerta totale’ in Israele: nuove misure d’emergenza

(Adnkronos) - L'"allerta totale" è stata dichiarata dall'esercito di Israele per un possibile attacco dell'Iran. Il portavoce delle forze di difesa israeliane ha precisato che "decine di aerei sono pronti al decollo" nell'ottica di una possibile azione di Teheran. Funzionari israeliani ritengono molto probabile che l'attacco iraniano possa scatenarsi già stanotte, come indicano i media dello