Palermo, Italia Viva vuole la Lega in maggioranza. Orlando: “Proposta irricevibile, meglio governo di minoranza”

PALERMO – Una “proposta irricevibile” e una “provocazione”. Questo il giudizio fatto dal sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, rispetto al suggerimento arrivato ieri dai consiglieri di Italia viva secondo i quali il ‘Professore’ dovrebbe azzerare la giunta e dare vita a un governo della cittĂ  “sul modello Draghi”, quindi con il coinvolgimento anche della Lega.

Orlando, che sta tenendo una conferenza stampa in remoto, ha aggiunto: “Nel 2017 gli elettori hanno scelto una proposta, un programma e una maggioranza molto chiari e che erano in continuitĂ  con il programma del 2012”. Quella di Italia viva, quindi, “è una proposta irricevibile anche in riferimento alla storia di questa cittĂ  – ha concluso Orlando – che dal 2012 ha fatto del rispetto dei diritti il proprio punto di riferimento che e’ alternativo ai principi che il partito di Salvini porta avanti”.

“Io vado avanti. Meglio un governo di minoranza, piuttosto che continuare con questo ‘Vietnam’ del consiglio comunale, ma chi decide di uscire dalla maggioranza se ne assuma la responsabilitĂ ”. Incontrando i giornalisti in remoto dopo la bocciatura di diversi atti in consiglio comunale, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, lancia un messaggio agli otto consiglieri di Italia viva. “Così non si può andare avanti, occorre una svolta”, ha continuato Orlando riferendosi al comportamento dei renziani, formalmente ancora in maggioranza, in occasione di alcune votazioni a Sala delle Lapidi -. Ognuno si assuma le proprie responsabilitĂ ”.

Il sindaco di Palermo lancia poi un ultimatum agli esponenti di Italia viva presenti nella sua giunta: “Agli assessori di Italia viva Piampiano e Costumati sto facendo un invito alla coerenza: fanno entrambi riferimento a un gruppo politico che ha contribuito alle ultime bocciature di alcuni documenti in Consiglio. Se coglieranno la ‘sensibilitĂ  politica’ si dimetteranno, ma se riterranno di restare in presenza di una contraddizione che porta il Consiglio a essere un ‘Vietnam’ sarò costretto a rimuoverli. Ho chiesto a questi due assessori se non ritenessero doveroso dimettersi, ma non ho ricevuto alcuna lettera di dimissioni”, ha aggiunto Orlando che poi, però, ha lasciato uno spiraglio aperto: “se il consiglio comunale continuerĂ  a essere un Vietnam ritirerò le deleghe”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ucraina-Russia, Nato: no armi nucleari in Polonia

(Adnkronos) - La Nato non ha intenzione di posizionare armi nucleari in Polonia. Ad affermarlo è il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg nel corso della sua visita a Varsavia in compagnia del premier britannico Rishi Sunak. "Non ci sono piani per espandere l'attuale accordo di condivisione nucleare", ha detto Stoltenberg durante un'apparizione congiunta con

Patto di stabilitĂ , via libera Ue alla riforma ma l’Italia non la vota

(Adnkronos) - Per un giorno “abbiamo unito la politica italiana”. Il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni usa l’ironia dopo i voti, nella plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo, sui tre testi che compongono la riforma del patto di stabilità, frutto di un lunghissimo negoziato tra gli Stati membri concluso solo poco prima del Natale 2023

Usa, aereo Douglas Dc-4 precipita in Alaska: stava trasportando due persone

(Adnkronos) - Un aereo Douglas Dc-4 è precipitato a Fairbanks, in Alaska. I primi soccorritori si stanno dirigendo verso il luogo dell'incidente. L'incidente è avvenuto sul fiume Tanana, a poche miglia dall'aeroporto internazionale di Fairbanks, riferiscono i media statunitensi. La Federal Aviation Administration (Faa) ha affermato che il Dc-4, stava trasportando due persone quando è precipitato