Sicilia, Fava in campo per le regionali: “Con Pd, M5s, Sinistra e Moderati”

PALERMO – Il presidente della commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, Claudio Fava, mette in campo il suo nome per la corsa alla presidenza della Regione alle elezioni del 2022. In una intervista al quotidiano ‘La Sicilia’, Fava disegna anche il quadro delle alleanze nella sua possibile avventura da candidato governatore: “Vorrei governare questa terra da uomo libero, responsabile, umile ma libero. Non da solo ma assieme ai tanti con cui abbiamo lavorato in questi anni e ad altri ancora”.

Il riferimento è all’alleanza di partenza che vede Pd, Movimento cinque stelle e mondo della sinistra: “Si deve ripartire da lì ma parlando a tutti”, sottolinea Fava che pensa al dialogo anche con “gruppi di moderati che sentono tutta la fatica – prosegue -, l’inanitĂ , la delusione e l’umiliazione di questa stagione di governo (Musumeci, ndr)”.

Il presidente dell’Antimafia regionale precisa: “La mia intenzione c’è. E non è quella di un’avventura solitaria, nè di aspettare le piccole quadrature del cerchio costruite nelle botteghe romane”.

Poi il giudizio sull’attuale governo regionale di centrodestra guidato da Musumeci: “Dall’altra parte non c’è il demonio, ma un governo che ha fallito con un presidente onesto ma rassegnato alla propria solitudine e alla propria collera. Ma molti dei suoi sono persone gradevoli, taluni anche politicamente così capaci che non mi dispiacerebbe averli accanto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Scontro in campo durante Foggia-Catanzaro, medico salva giovane giocatore. “Non chiamatemi eroe”

(Adnkronos) - "La situazione è apparsa subito grave. Altre volte, seguo il settore giovanile del Foggia da 12 anni, mi sono trovato di fronte a eventi anche molto pesanti, ma non drammatici quello di ieri. Fuori luogo chiamarmi eroe, è stato fondamentale, in piena emergenza, l'aiuto e il supporto di due soccorritori validissimi". A parlare

Esperto israeliano: “Collasso deterrenza americana, serve reazione dura su territorio iraniano”

(Adnkronos) - “Più di 330 droni, missili e razzi non sono solo un casus belli, sono una dichiarazione di guerra. Sin dai primi giorni dopo il 7 ottobre ho detto che questo non è il conflitto privato di Israele contro Hamas o contro l’Iran ma dovrebbe essere la guerra tra il mondo libero e l’Islam

A Roma il comitato ordine e sicurezza dopo attacco Iran a Israele: “Attenzione massima”

(Adnkronos) - "L'attenzione in questo momento è massima". Così il prefetto di Roma Lamberto Giannini dopo il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto in prefettura all'indomani dell'escalation in Medio Oriente sfociata nell'attacco dell'Iran a Israele.  Nel corso della riunione fra i vertici della sicurezza provinciale è stato fatto il