Strage di Bologna, venerdì si apre un nuovo capitolo con il processo ai mandanti

BOLOGNA – Ancora due giorni e si aprirĂ  un nuovo capitolo della storia giudiziaria della strage del 2 agosto 1980 alla stazione ferroviaria di Bologna, nella quale 85 persone morirono e oltre 200 rimasero ferite. Venerdì mattina partirĂ  infatti, davanti alla Corte d’Assise del capoluogo emiliano, il processo a Paolo Bellini, ex esponente di Avanguardia nazionale, all’ex Carabiniere Piergiorgio Segatel e a Domenico Catracchia, amministratore di condominio di alcuni immobili di via Gradoli a Roma in cui trovarono rifugio i Nar. A sostenere l’accusa davanti alla Corte, che sarĂ  presieduta dal presidente del Tribunale bolognese, Francesco Caruso, non sarĂ  però la Procura, ma la Procura generale, che alla fine di ottobre del 2017 avocò l’inchiesta sui mandanti dopo che la Procura aveva deciso di chiederne l’archiviazione, e che sarĂ  rappresentata in aula dall’avvocato generale dello Stato, Alberto Candi, e dai sostituti pg Nicola Proto e Umberto Palma.

Bellini, personaggio a metĂ  strada tra l’eversione di destra e la criminalitĂ  comune, era stato prosciolto nel 1992 dalle accuse relative al 2 agosto, proscioglimento poi revocato nel maggio del 2019 su richiesta della Procura generale bolognese. Originario di Reggio Emilia, esperto di opere d’arte e noto con il soprannome di ‘Primula nera’, Bellini, nato nel 1953, è stato latitante in Brasile, sotto il falso nome di Roberto Da Silva, e dopo essere stato arrestato nel 1999 ha deciso di collaborare con la magistratura, confessando una decina di omicidi, tra cui quello dell’esponente di Lotta continua Alceste Campanile. Oltre a questo, l’ex terrorista ha collaborato anche con la Procura di Palermo, nell’ambito dell’indagine sulla trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra.

Nel processo che partirĂ  venerdì Bellini è accusato di concorso nell’attentato: per la Procura generale, in sostanza, fu il ‘quinto uomo’ del gruppo neofascista che eseguì la strage, assieme a Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e Luigi Ciavardini, giĂ  condannati in via definitiva, e a Gilberto Cavallini, condannato in primo grado all’ergastolo dalla Corte d’Assise bolognese nel gennaio del 2020. Tra le prove a suo carico, oltre a una serie di intercettazioni, spicca il fotogramma di un filmato Super8 girato da un turista tedesco il 2 agosto 1980, nel quale si vede un uomo molto somigliante a Bellini, indicato tra l’altro dalla sua ex moglie come la persona che compare nel video.

A processo assieme a lui andranno Segatel, accusato di depistaggio perchĂ© durante un interrogatorio ha negato di aver incontrato la moglie dell’esponente di Ordine Nuovo, Mauro Meli, a cui prima della strage il marito confidò “che la destra stava preparando qualcosa di veramente grosso”, e Catracchia, ritenuto responsabile di false informazioni al pubblico ministero al fine di sviare le indagini.

Inizialmente tra gli imputati c’era anche l’ex capocentro del Sisde di Padova, Quintino Spella, accusato di depistaggio. Spella, però, è deceduto all’etĂ  di 91 anni lo scorso gennaio, mentre era in corso l’udienza preliminare. Come lui, diverse altre persone coinvolte nelle indagini non potranno essere processate in quanto sono giĂ  morte. In particolare, non sfileranno in Corte d’Assise Licio Gelli, capo della loggia segreta P2, il suo braccio destro Umberto Ortolani, l’ex capo dell’Ufficio Affari riservati del ministero dell’Interno, Federico Umberto D’Amato e il giornalista Mario Tedeschi, ex direttore de ‘Il Borghese’ ed ex parlamentare del Msi, tutti ritenuti a vario titolo mandanti, finanziatori o organizzatori dell’attentato, ma deceduti da tempo.

L’ipotesi degli investigatori è che la strage alla stazione fosse stata pianificata fin dal febbraio del 1979, quando dai conti svizzeri di Licio Gelli partirono i primi soldi per finanziare i gruppi neofascisti, che avrebbero ricevuto dal Maestro Venerabile e dalla P2 sei milioni di dollari. E il processo in partenza questa settimana- che vede coinvolti come parti civili non solo i familiari delle vittime, ma anche il Comune di Bologna, la Regione Emilia-Romagna e l’Avvocatura generale dello Stato- potrebbe essere solo la ‘prima puntata’, visto che la Procura generale ha ancora aperta una seconda tranche di indagini sui mandanti e sui finanziatori della strage.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Elezioni regionali Basilicata, secondo giorno di voto: seggi aperti fino alle 15

(Adnkronos) - Si sono riaperte alle 7 le urne in Basilicata per l'elezione del presidente della giunta regionale e per il rinnovo del Consiglio regionale della dodicesima legislatura. Si vota sino alle 15, subito dopo la chiusura dei seggi inizierà lo spoglio.  Ieri nella domenica del voto l'affluenza è stata del 37,74% dei circa 568mila

Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024

RIPRODUZIONE RISERVATA L'articolo Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024 proviene da Agenzia Dire. Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

Basilicata, dalle 7 seggi aperti, si vota fino alle 15

Alla chiusura delle urne inizierà lo spoglio dei voti Potenza, 22 apr. (askanews) – In Basilicata alle 7 hanno aperto i seggi per il secondo giorno delle elezioni regionali. Si vota, con la formula del turno unico, fino alle 15. Ieri alle 23, alla chiusura dei seggi, l'affluenza è stata del 38,26%, in calo rispetto