“Aboliamo le carrozze”: petizione a Firenze dopo ‘incidente’ tra la macchina di Lamorgese e un cavallo

FIRENZE – Abolire le carrozze turistiche di Firenze. L’iniziativa la lancia Italian Horse Protection (IHP), la prima associazione italiana per la tutela dei cavalli, attraverso una petizione caricata sulla piattaforma Change.org. L’azione, si spiega, arriva dopo l’incidente di lunedì scorso in piazza della Signoria, quando un cavallo ha trascinato al galoppo la propria carrozza fino a centrare le auto di servizio del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

“Quello che è stato raccontato come un incidente dovuto alla furia di un cavallo imbizzarrito, in veritĂ , porta ancora una volta agli onori della cronaca le condizioni con cui sono utilizzati questi animali”, spiega il presidente di IHP, Sonny Richichi. “Le carrozze sono una forma di sfruttamento ormai inaccettabile nel 2021: la tradizione di trasportare turisti in carrozza per le vie del centro di Firenze costringe i cavalli a un’attivitĂ  forzata, in un contesto del tutto inadeguato, insalubre e pericoloso come è quello urbano”. L’incidente, quindi, “dimostra quanto possa essere pericolosa la presunzione, purtroppo ancora diffusa, di sfruttare degli animali per attivitĂ  umane senza conoscerne e rispettarne la natura e le necessitĂ . I cavalli non si imbizzarriscono, ma reagiscono a stimoli negativi o alla paura reagendo nel modo per loro piĂą naturale: la fuga”.

Con la petizione “chiediamo al Comune di mettere al centro dell’attenzione, in quanto societĂ  civile e matura, la tutela degli animali, abbandonando queste pratiche e abolendo il folcloristico sistema di trasporto dei turisti in centro su carrozze trainate da cavalli. Per quanto ci riguarda, siamo disponibili ad accogliere presso il nostro centro di recupero i cavalli dei fiaccherai per garantire loro una vita di libertĂ  e benessere, rispettosa delle loro caratteristiche etologiche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

“Sciogliamo la Nato”, Tarquinio diventa un caso

(Adnkronos) - "Sciogliamo la Nato". Le parole di Marco Tarquinio, ex-direttore dell'Avvenire e candidato Pd alle elezioni europee 2024 nella circoscrizione Centro, diventano un caso. Matteo Renzi e Carlo Calenda montano subito la polemica, ma è gelo anche tra i dem. La campagna elettorale impone il silenziatore ai malumori interni ma i commenti che girano

Kafd Globe Soccer Awards, Sardegna pronta per le stelle mondiali, Bellingham e Mbappè in corsa

(Adnkronos) - Dopo sei giorni di intense votazioni da parte dei tifosi, la lista dei candidati per il premio di Best Men’s Player si sfoltisce arrivando a soli 12 finalisti. Tra questi si annoverano alcuni candidati alla Champions League, Jude Bellingham e Vinicius Jr, la superstar francese Kylian Mbappé, l'icona del Liverpool FC Mohamed Salah

SanitĂ , Marino (Unindustria): “No a sostituzione strutture diagnostiche con farmacie”

(Adnkronos) - "Le farmacie giocano un ruolo cruciale nel nostro sistema sanitario, ma questo ruolo deve essere complementare, e non sostitutivo, delle strutture diagnostiche specializzate". Così Luca Marino, vicepresidente Unindustria con delega alla sanità, intervenendo alla Seconda Assemblea nazionale dell'Associazione imprese sanitarie indipendenti (Aisi), in corso a Roma. "Affidare l'esecuzione di test di laboratorio alle farmacie