Ddl Zan, Fanuli (Lega): “Disarmante che la sinistra si occupi di questo”

ROMA – “Il ddl Zan non andava proprio fatto. La legge per queste discriminazioni esiste già. Rispetto a quanto sta accadendo di altro in Italia, poi, è ridicolo porre l’attenzione su questo argomento. Non può portare via così tanto tempo all’Aula e ai cittadini. Non è possibile che la sinistra si concentri su Ius soli e ddl Zan: è disarmante per quanti si trovano in difficoltà”. Così Eloisa Fanuli, dirigente della Lega Lazio, intervistata dall’agenzia Dire, in merito al ddl Zan e alle divisioni che sta generando anche nel mondo delle associazioni e nella società civile.

LEGGI ANCHE: In migliaia a Roma per il Gay Pride: “Aboliamo il Concordato, approviamo il Ddl Zan”

“TEMPI IMPREVEDIBILI, IO VOGLIO ESSERE CHIAMATA MAMMA”

Al momento “il decreto è fermo – ha spiegato – e i tempi sono imprevedibili dato il governo di larghe intese che abbiamo”. Sulla cultura che secondo la dirigente della Lega Lazio fa da cornice a questo provvedimento, Fanuli ha detto con fermezza: “Da donna, mamma e figlia non accetterò mai che mi si imponga di essere chiamata genitore 1 o 2 e non mamma”.

LEGGI ANCHE: “Vaticano contro ddl Zan, il costituzionalista: “Nessuna criticità, non mette in discussione la libertà religiosa”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Miccichè: “L’auto blu per il gatto? Stava malissimo ed è morto”

(Adnkronos) - "Non ho fatto un uso illegittimo dell'auto blu. Ne sono convinto. Se poi mi contestano il fatto di avere fatto accompagnare il mio gatto dal veterinario perché stava malissimo, allora sono disposto ad andare in carcere. Il mio gatto viveva in simbiosi con me, Quando stava male mia figlia mi disse di mandarle

Decaro e il video virale, quando la comunicazione politica funziona

(Adnkronos) - Un video può diventare più efficace di tanti comizi. Succede, come nel caso di Antonio Decaro e del suo post su TikTok per le elezioni europee diventato rapidamente virale, quando la comunicazione politica riesce a rispondere a una domanda semplice: come posso far capire a più persone possibile quello che voglio dire? Nel

Europee, da riforme a lavoro: a Trento il duello (mancato) tra Meloni e Schlein

(Adnkronos) - Il duello mancato in tv oggi si è riproposto come sfida a distanza al Festival dell'Economia di Trento dove Giorgia Meloni ed Elly Schlein si sono alternate, a stretto giro nel pomeriggio, sul palco della manifestazione. La forma è meno intensa e 'spettacolare' rispetto a quella del faccia a faccia, ma il botta