Diritti, Hutter e Sala celebrano i 29 anni dalla prima unione civile

MILANO – “Finalmente abbiamo un punto di ritrovo. Ci ritroveremo qui, da Ivan e Gianni, giĂ  da stasera, con Palazzo Marino illuminato di arcobaleno”. Tutto il senso dell’iniziativa odierna si può raccogliere nelle parole di Paolo Hutter, ex consigliere comunale milanese che 29 anni fa (era il 27 giugno 1992) celebrò in piazza Scala, con tanto di fascia tricolore sul petto, le prime simboliche nozze gay italiane. Nove coppie di cui quattro ancora insieme oggi e una, quella composta da Ivan Dragoni e Gianni Delle Foglie, scomparsa ma (come sottolinea lo stesso Hutter) “unita in cielo”.

Ed è proprio commemorando Ivan e Gianni, ma soprattutto ricordando quell’episodio che segnò il primo tassello di tante battaglie, che oggi il Comune di Milano e piazza della Scala regalano ai milanesi una stele per far sì che quel passo rimanga indelebile. Il tutto, a un giorno dall’evento conclusivo della Pride Week, e mentre in Parlamento (ma non solo) si discute del Dl Zan, e piĂą in generale di diritti.

Gli stessi diritti che “per me sono una conferma del percorso fatto in questi cinque anni e che Giuliano Pisapia ha fatto prima di me”, sottolinea Sala a margine dell’evento. “In questo momento certamente a Milano si sente la necessitĂ  di testimoniare da che parte stiamo con grande chiarezza- afferma il sindaco- con cose simboliche e anche con atteggiamenti politici fattivi, come l’appoggio al ddl Zan”. Determinato Sala, che si prende i ringraziamenti pubblici della senatrice dem Monica CirinnĂ , co-relatrice con Zan del disegno di legge che tanto ha fatto discutere.

“Grazie al sindaco Sala perchĂ© Milano è avanguardia nei diritti, e nelle grandi richieste, avanguardia di una cittĂ  che riconosce pari dignitĂ  a tutti”, racconta nel proprio intervento. CirinnĂ  chiede una mano al capoluogo lombardo: “Vi chiedo aiuto perchĂ© tra poche ore inizieremo la grande battaglia per l’approvazione del testo contro l’omofobia in Senato, dunque Milano si faccia sentire al Pride, perchĂ© quando si muove il vento del movimento, quel vento arriva a sbattere ai palazzi del potere”.

Ma soprattutto “Non facciamoci nascondere la parte piĂą colpita e discriminata della nostra societĂ  da chi si permette di dare indicazioni sulla identitĂ  di genere”, è il monito della senatrice, secondo la quale non si possono piĂą fare modifiche al documento: “Io ho lavorato un anno e mezzo con Alessandro Zan a questo testo, e questo è un testo che non è piĂą perfettibile- avverte- fin dove siamo arrivati la mediazione è stata possibile, sotto non è piĂą possibile”.

Tuttavia, al di lĂ  degli scenari futuri, l’iniziativa odierna è un riconoscimento ad una delle piazze piĂą prestigiose di Milano che nel 1992, come ricorda Hutter, “è stata la culla delle unioni civili”, dunque “siamo qui ad inaugurare una stele che ci sopravviverĂ ”, anche se “francamente non mi sarei mai immaginato che avremmo dovuto”. A tal proposito, “ho rivisto questi giorni Gianni Delle Foglie e Ivan Dragoni che lanciano bouquet sulla folla, dopo che li avevo uniti civilmente”, aggiunge, ecco perchĂ© “l’entusiasmo e l’efficacia comunicativa di quel gesto descrivono molto bene la spinta che ci hanno dato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

“Sciogliamo la Nato”, Tarquinio diventa un caso

(Adnkronos) - "Sciogliamo la Nato". Le parole di Marco Tarquinio, ex-direttore dell'Avvenire e candidato Pd alle elezioni europee 2024 nella circoscrizione Centro, diventano un caso. Matteo Renzi e Carlo Calenda montano subito la polemica, ma è gelo anche tra i dem. La campagna elettorale impone il silenziatore ai malumori interni ma i commenti che girano

Kafd Globe Soccer Awards, Sardegna pronta per le stelle mondiali, Bellingham e Mbappè in corsa

(Adnkronos) - Dopo sei giorni di intense votazioni da parte dei tifosi, la lista dei candidati per il premio di Best Men’s Player si sfoltisce arrivando a soli 12 finalisti. Tra questi si annoverano alcuni candidati alla Champions League, Jude Bellingham e Vinicius Jr, la superstar francese Kylian Mbappé, l'icona del Liverpool FC Mohamed Salah

SanitĂ , Marino (Unindustria): “No a sostituzione strutture diagnostiche con farmacie”

(Adnkronos) - "Le farmacie giocano un ruolo cruciale nel nostro sistema sanitario, ma questo ruolo deve essere complementare, e non sostitutivo, delle strutture diagnostiche specializzate". Così Luca Marino, vicepresidente Unindustria con delega alla sanità, intervenendo alla Seconda Assemblea nazionale dell'Associazione imprese sanitarie indipendenti (Aisi), in corso a Roma. "Affidare l'esecuzione di test di laboratorio alle farmacie