Covid, tasso di positivitĂ  sale al 3,5%. Continua la crescita dei ricoveri

ROMA – Sono 3.117 i nuovi positivi al coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, a fronte di 88.247 tamponi. Il tasso di positivitĂ  sale al 3,5%, dal 2,7% di ieri. 22 i decessi, contro i 7 di ieri. Questi i dati diffusi oggi dal ministero della SanitĂ . Continua intanto il trend in crescita delle ospedalizzazioni: i posti occupati in terapia intensiva sono 4 in piĂą di ieri, mentre i ricoverati nei reparti ordinari aumentano di 120 unitĂ .

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Morte Onorato, la denuncia della figlia sui social: “Mio padre è stato ammazzato”

di Salvo Cataldo e Sausan Khalil ROMA – L’eurodeputata Francesca Donato è stata ascoltata fino alla tarda serata di ieri dagli investigatori della squadra mobile di Palermo che indagano sulla morte del marito, Angelo Onorato, trovato senza vita all’interno della sua Range Rover verde petrolio su una bretella laterale dell’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo. Con

Ucraina, si aggrava bilancio raid Russia su ipermercato Kharkiv: 11 morti

(Adnkronos) - Si aggrava il bilancio del raid della Russia sferrato su un ipermercato di Kharkiv, nel nordest dell'Ucraina, con il governatore della regione Oleh Syniehubov che ha annunciato che salgono a 11 le vittime, mentre sarebbero almeno 40 i feriti. Ieri la Russia aveva attaccato lo store affermando che l'Ucraina aveva nascosto un deposito di

India, incendio in ospedale pediatrico: sei neonati morti e 5 feriti

(Adnkronos) - Sei neonati hanno perso la vita in un tragico incendio presso il New Born Baby Care Hospital di Vivek Vihar a Delhi. Il ministro della Sanità Saurabh Bharadwaj ha assicurato che sul caso verranno presi provvedimenti rigorosi.  Secondo le autorità, 12 bambini sono stati salvati dal luogo dell'incidente, dove uno era già morto