Tg Politico Parlamentare, edizione del 30 settembre 2022

PUTIN ANNUNCIA L’ANNESSIONE DI QUATTRO TERRITORI
Vladimir Putin e i governatori filo-russi delle quattro regioni ucraine di Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk, Lugansk hanno firmato i trattati che sanciscono l’ingresso di questi territori nella Federazione russa. Nel suo discorso, Putin ha accusato “gli anglosassoni” di aver sabotato il gasdotto Nord Stream e ha ricordato come gli Usa siano stati l’unico Paese al mondo ad aver usato due volte le armi nucleari. Il leader russo si è poi detto pronto ai negoziati e ha chiesto a Kiev di cessare il fuoco. “L’Occidente – dice Putin – è ossessionato dalla grandezza della Russia ma non ha diritto di parlare di democrazia”. Pronta la replica dell’Unione Europea: “E’ diritto dell’Ucraina riprendersi i suoi territori. Siamo incrollabili nel nostro sostegno all’integrità territoriale e alla sovranità dell’Ucraina”, scrivono i 27 capi di Stato e di Governo.
INFLAZIONE AL TOP, LA SPESA AUMENTA DELL’11,5%
Non si arresta la corsa dell’inflazione. A settembre, l’indice dei prezzi al consumo sale dell’8,9% su base annua. Il dato tendenziale e’ il piu’ alto da novembre 1985. Questa volta, spiega l’Istat, non sono i beni energetici a causare la nuova accelerazione dell’inflazione, ma soprattutto i beni alimentari che crescono dell’11,5%. La Cisl chiede interventi strutturali a livello nazionale ed europeo. L’Istat fotografa anche il mercato del lavoro: ad agosto il tasso di disoccupazione scende al 7,8%. Quella giovanile cala al 21,2%, il livello più basso da luglio 2008. In aumento l’occupazione tra gli autonomi.
LETTA RIFONDA IL PD
Enrico Letta lancia il congresso per il Nuovo Pd. In una lettera agli iscritti il segretario dem ammette la sconfitta alle elezioni e chiama gli iscritti a rifondare il partito, compresi nome e simbolo. “Abbiamo perso. Ne usciamo con un risultato insufficiente ma ne usciamo vivi”, dice Letta. Letta immagina un congresso articolato in quattro fasi, “ma a regole vigenti”, dice. La prima fase e’ la vera novita’ e apre al ritorno dei secessionisti bersaniani e renziani. L’assise si concluderà con le primarie tra due candidature da sottoporre al giudizio degli elettori. Saranno i cittadini a indicare e legittimare la nuova leadership.
MAFIA. A MONTECITORIO INAUGURATA MOSTRA FOTOGRAFICA 
Ventidue fotografie collocate nei corridoi di Montecitorio per commemorare i trent’anni dalle stragi in cui hanno perso la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e i quarant’anni dagli assassinii di Pio La Torre e di Carlo Alberto Dalla Chiesa. E’ stata inaugurata oggi alla Camera dei Deputati la mostra fotografica ‘A testa alta’, un percorso dedicato agli uomini delle Istituzioni, agli agenti e ai congiunti che con il loro esempio hanno testimoniato il valore della legalità. La mostra sarà visitabile il 2 ottobre, il 6 novembre e il 4 dicembre.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Schlein: serve una missione europea di soccorso ai migranti

"Dobbiamo essere chiari con gente come Orban" Roma, 2 mar. (askanews) – "Vogliamo un'Europa di solidarietà, dobbiamo porre fine all'esternalizzazione delle frontiere. E dobbiamo essere chiari con gente come Orban: non puoi avere solo i benefici di fare parte di una grande Unione senza condividere le responsabilità che ne conseguono. E' semplice. E dobbiamo garantire

Confindustria è divisa sui candidati alla presidenza, le alleanze non decollano

Proseguono le consultazioni dei saggi, difficile lavoro di sintesi Roma, 2 mar. (askanews) – A circa un mese dal voto del consiglio generale, in calendario il 4 aprile, la corsa per la presidenza di Confindustria resta decisamente affollata. I candidati in gara sono quattro e la partita delle alleanze sembra non voler decollare. Le forti

La madre di Navalny al cimitero in visita alla tomba del figlio

Con lei la madre di Yulia Navalnaya Roma, 2 mar. (askanews) – La madre di Alexsei Navalny, il principale oppositore di Vladimir Putin morto in carcere in circostanze poco chiare, ha visitato oggi la sua tomba, all'indomani del funerale al quale migliaia di russi hanno reso omaggio, rischiando l'arresto. Navalny, il più inflessibile critico del