Vincere o stravincere? No, governare. Questo il dilemma di Giorgia Meloni

ROMA – Mentre la macchina organizzativa di Fratelli d’Italia viaggia a tutto regime per la grande manifestazione di chiusura della campagna elettorale, dietro le quinte ci si prepara per il dopo, che non sarĂ  facile. Prima di tutto la manifestazione: si terrĂ  il 22 settembre alle 17.30 a Piazza del Popolo a Roma, casa e ‘piazza’ di Giorgia Meloni. Per questo il partito è mobilitato al massimo perchĂ© la giornata diventi memorabile, soprattutto gli occhi delle centinaia di giornalisti di tutto il mondo che stanno sgomitando per accreditarsi. Sul palco Meloni e Salvini, mentre non si sa ancora se il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi sarĂ  presente, magari apparirĂ  in ologramma scherza qualche buontempone, o si collegherĂ  a distanza. Con i leader ci saranno tutti i dirigenti e i principali candidati del Centrodestra.

“Vincere o stravincere? Vero, per noi è il dilemma- osserva un esponente dei Fratelli d’Italia che segue la partita da vicino- perchĂ© bisognerĂ  vedere a chi prenderemo i voti, se prosciugheremo al Lega di Salvini e Forza Italia oppure riusciremo a prendere voti anche da altre parti”. Che sia questa la vera partita lo si capisce se con la mente si torna agli ultimi sondaggi pubblicati prima dello stop, dove era ormai chiara la tendenza: Fratelli d’Italia che doppiava la Lega, forse anche di piĂą, e Forza Italia che sprofondava.

“Chiaro che questo ci creerebbe dei problemi – sottolinea l’esponente ‘meloniano’ – sicuramente potrebbero crescere le pretese per una super compensazione a livello di ministeri e posizioni di rilievo, magari a scapito dei nostri”. A livello di prime cariche istituzionali dentro Fratelli d’Italia le idee sono abbastanza chiare: “Con Meloni premier, alla presidenza del Senato in pole position c’è la Lega, e Calderoli potrebbe ben avanzare la sua candidatura molto autorevole – ragiona il Fratel d’Italia-  mentre a Forza Italia andrebbe la presidenza della Camera”. All’opposizione niente, a quanto par di capire, anche perchĂ© da quella parte ci son troppi galli che sicuramente non perderanno l’occasione di gareggiare a ‘bruciarsi’ tra di loro.

Per quanto riguarda il dopo elezioni, con la probabile nascita del Governo Meloni, si ragiona sulle implicazioni per il nostro Paese e i rapporti con l’Europa. Macron in Francia dopo il voto è un presidente in difficoltĂ , costretto a guardare piĂą alla politica interna che fuori visto il successo elettorale della destra di Le Pen e della sinistra di Melenchon.

La Germania, a guida socialdemocratica dopo l’uscita della Merkel, sembra tentennare soprattutto dopo la minaccia di Putin di tagliare il gas. A casa nostra abbiamo mandato via Mario Draghi, che in questa fase poteva forse garantire una linea piĂą decisa.

Chiaro che la vittoria della destra sovranista in Italia andrebbe immediatamente a rafforzare quelle posizioni a cui non frega niente di marciare spediti per una Europa piĂą inclusiva e aperta agli altri. Assai probabile, visti i vincoli che comunque sono e restano forti, che il Governo Meloni metta giĂą una mappa dei problemi che stanno a cuore con i confini da non superare ma è lì su quel limite che si giocherĂ  la battaglia politica nei prossimi anni. Come si è visto fare con alcuni paesi che hanno affrontato il ‘governo’ europeo con tono muscolare e puntando sempre al proprio tornaconto economico, facendo prevalere sempre la legislazione nazionale rispetto alle direttive comunitarie.

E questo lo vedremo sui temi cari al centrodestra, dalle politiche sull’immigrazione alla rinegoziazione del Pnrr e aumento del debito, politiche della concorrenza, diritti sensibili come aborto, fine vita ecc. Insomma, avremo un governo che appoggerĂ  l’Unione europea solo e quando potrĂ  vantare un immediato vantaggio per il nostro paese. BisognerĂ  sicuramente proseguire con aiuti a parte della popolazione e delle imprese che si ritroveranno nei guai se dovesse venire a mancare l’energia, quindi costrette a pagare super bollette o chiudere le attivitĂ . Questo perchĂ©, lo si è visto nel passato recente, altrimenti si correrĂ  il rischio di ritrovarsi a dover fronteggiare delle vere e proprie rivolte di piazza. Il vento della ripresa, infatti, si è molto indebolito e il prossimo anno si rischia la recessione. GiĂ  le agenzie di rating stanno mettendo l’Italia nel mirino, con Fitch che oggi valuta i titoli italiani appena un gradino sopra quelli ‘spazzatura’. A questo punto forse per Giorgia Meloni il tema piĂą vero non sarĂ  quello di vincere (o stravincere) ma quello di mettere in campo un governo capace di governare e risolvere i grossi problemi che giĂ  si stagliano all’orizzonte.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele, c’è l’accordo sulla tregua? Gli Usa dicono di sì “ma ora aspettiamo Hamas”

(Adnkronos) - Israele ha "praticamente accettato" una proposta di tregua di sei settimane a Gaza, c'è "una cornice di accordo" che Israele ha "più o meno accettato". Una seconda fase dell'intesa "per costruire qualcosa di più durevole" potrà essere concordata durante la tregua. Lo ha detto ai giornalisti un alto funzionario dell'amministrazione Biden, secondo quanto

Gaza, caos aiuti umanitari. Cnn: “Beni respinti da Israele in maniera arbitraria”

(Adnkronos) - Le autoritĂ  israeliane ostacolano l'invio di aiuti umanitari a Gaza con criteri "arbitrari e contraddittori". Lo afferma la Cnn, dopo aver sentito oltre una ventina di operatori umanitari. Fra i beni respinti dal Cogat, l'ente israeliano di coordinamento per i territori palestinesi, responsabile per il passaggio degli aiuti, figurano anestetici e macchine per

Valencia-Real Madrid 2-2, gol fantasma allo scadere e polemiche

(Adnkronos) - Il Real Madrid pareggia 2-2 sul campo del Valencia nel match della 27esima giornata della Liga. I blancos vanno a segno con Vinicius (50’ e 76’) e rimontano dopo i gol di Hugo Duro (27’) e Yaremchuk (30’). La sfida si infiamma allo scadere. Il Real Madrid batte l’ultimo corner alla fine del