I test Invalsi tornano obbligatori per la maturitĂ . Studenti contrari: “nessuno ci ha ascoltati”

ROMA – I test Invalsi tornano ad essere obbligatori per accedere all’esame di stato per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Lo avrebbe reso noto lo stesso presidente di Invalsi, Roberto Ricci, in una lettera inviata alle scuole in vista degli esami del 2023.

La notizia ha giĂ  suscitato la reazione degli studenti. Gli attivisti dell‘Unione degli Studenti, in una nota, hanno contestato la decisione presa e si sono detti contrariati per il fatto di essere stati convocati solo dopo la scelta, e non prima.

“Nonostante le numerose proteste dello scorso anno, per un esame di stato meno nozionistico, frontale e performativo, il ministro continua sulla strada della disintermediazione con gli studenti, riportando l’obbligatorietĂ  delle prove Invalsi per l’accesso all’esame- ha dichiarato Bianca Chiesa, coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti- Inoltre convoca il Forum delle Associazioni Studentesche piĂą rappresentative (FAST) dopo aver giĂ  deciso le modalitĂ  della maturitĂ  e l’obbligatorietĂ  delle prove Invalsi. Non vogliamo solo essere ascoltati, rivendichiamo una scuola pensata dagli studenti per gli studenti”. “La nostra proposta è chiara e sviluppata su 5 pilastri secondo il manifesto nazionale della scuola elaborato agli Stati Generali della scuola di febbraio scorso”, aggiunge Chiesa.


“Le prove Invalsi sono uno strumento per valutare gli studenti dividendoli in aree, come se fossero dei numeri da controllare e da esaminare- afferma Alice Beccari, dell’Unione degli Studenti- Tutto ciò attraverso domande fatte di mere nozioni incapaci di rendersi uno strumento utile di crescita e di formazione per gli studenti. Nuovamente gli studenti non vengono ascoltati su decisioni che riguardano la loro formazione e il loro futuro”.


“Vogliamo l’esclusione dei Pcto come requisito e oggetto d’esame. Vogliamo un esame che fornisca gli strumenti agli studenti e un’elaborazione critica complessiva del proprio percorso di studi, attraverso una prova orale con tesina preparata dagli studenti. Vogliamo delle scuole e dei saperi liberi e non escludenti, fonte di emancipazione e non di nozionismo”, conclude Chiesa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Arriva la bodycam per il personale Trenitalia, si parte in Emilia Romagna

(Adnkronos) - Parte dall'Emilia Romagna la sperimentazione delle bodycam per i capitreno di Trenitalia, l'ultimo strumento in ordine di tempo per la sicurezza dei viaggiatori e del personale sui convogli. Lo annuncia una nota del Mit. Trenta i capitreno che, su base volontaria, hanno aderito a questa prima fase del progetto: indossata la piccola videocamera

Tornano le code agli sportelli pubblici, l’attesa aumenta: oltre 20 minuti in fila

(Adnkronos) - Con la fine del Covid i cittadini hanno ricominciato a frequentare gli uffici pubblici e i tempi di attesa agli sportelli sono tornati ad aumentare. A farne le spese soprattutto gli over 64 che rispetto ai giovani hanno minori conoscenze informatiche per poter accedere ai servizi on line. A fotografare la situazione un

Maltempo in Italia, attesa neve da record: le previsioni meteo di oggi

(Adnkronos) - Non bastavano piogge torrenziali e maltempo, sull'Italia è infatti attesa anche la neve. E stavolta, spiegano gli esperti nelle previsioni meteo di oggi 2 marzo 2024, sarà da record: 150 cm in sole 24 ore, tanto da ricoprire interamente le auto parcheggiate in strada. Se i fiocchi colpiranno Piemonte e Valle d'Aosta, sul