Tg Politico Parlamentare, edizione del 4 ottobre 2022

THE TIMES: PUTIN PENSA A ESERCITAZIONE NUCLEARE

Secondo il Times “Putin ordina un’esercitazione nucleare ai confini con l’Ucraina”. Il quotidiano londinese scrive che il presidente russo sarebbe pronto a dimostrare la sua volontà di usare armi di distruzione di massa con un test nucleare. Fino ad ora Putin ha mobilitato per la guerra 200mila russi. Intanto nel sud del Paese gli ucraini sfondano le linee russe nei pressi di Kherson. Le forze armate ucraine si sono avvicinate al confine nord-occidentale della regione di Lugansk. Sulla guerra in Ucraina si e’ espressa anche il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “E’ una situazione molto complessa, per questo serve molta prudenza”, ha detto.

MATTARELLA: NON CI ARRENDIAMO ALLA GUERRA

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel giorno delle celebrazioni per il Patrono d’Italia ricorda l’esempio di San Francesco “fautore di pace e dialogo” tra culture e religioni diverse. Durante la cerimonia nella basilica di Assisi, il capo dello Stato rivolge un pensiero alle vittime del Covid invitando a “mantenere comportamenti di responsabilità” perchè la pandemia “non è definitivamente sconfitta”. Nel suo discorso il presidente torna sul dramma del conflitto in Ucraina. “Non ci arrendiamo alla logica di guerra”, ribadisce. Il presidente della Cei Matteo Zuppi lancia un monito alla politica: “Se ne esce solo insieme, tutti concorrano all’interesse nazionale”. Invito raccolto da Giorgia Meloni. “E’ necessario concorrere tutti, pur nelle differenze, per affrontare le difficili sfide che l’Italia ha davanti”, dice la leader di Fdi.

SALVINI: CONTRO DI ME CLIMA D’ODIO

Matteo Salvini ha aperto il consiglio federale della Lega mostrando la prima pagina di un quotidiano di oggi: “Assedio a Salvini”. Per il leader leghista in un momento drammatico tra guerra, missili coreani, gas, emergenza bollette e inflazione “il principale giornale della sinistra fa un’apertura contro di me. C’è un brutto clima”. Prima della riunione il segretario del Carroccio ha spiegato che questa situazione di crescente tensione, con un Paese in grave crisi, rischia di alimentare odio e violenza politica individuando bersagli precisi.

RIFIUTI. LA DIFFERENZIATA NEL 2020 AL 63%

La raccolta differenziata in Italia raggiunge il 63%. I dati relativi al 2020, comunicati da Anci e Conai, parlano di un trend in crescita nell’ultimo quinquennio. La Regione più virtuosa è il Veneto con il 76,1%, seguito da Sardegna e Lombardia, la più bassa è la Sicilia con il 42,3%. Il 67% dei rifiuti conferiti ai Consorzi di filiera è rappresentato dagli imballaggi in carta e il vetro. Durante il primo anno della pandemia la filiera della carta ha registrato un aumento di quasi il 20%, aumento più contenuto ma significativo per l’acciaio con un +6,1%. Sono diminuiti invece i flussi di plastica, legno e alluminio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario per l'emergenza a Ischia, Giovanni Legnini, ha individuato...

A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata nella quale l'Abruzzo dona l'albero di Natale di...

Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo

PALERMO - Ora è corsa contro il tempo alla ricerca di una norma 'Salva-Sicilia' da ancorare al decreto Aiuti o direttamente alla manovra messa...