Positiva l’apertura del Ministero del Lavoro sul welfare per i professionisti

Redazione

“Sono necessarie misure comuni di welfare avanzato da parte delle Casse previdenziali italiane, in modo da aiutare i professionisti in difficoltà a causa della crisi economica. L’apertura del direttore generale delle politiche previdenziali del ministero del Lavoro Concetta Ferrari rappresenta una novità importante”. Lo ha detto Luigi Pagliuca, presidente della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri, nel corso del forum “Previdenza e realtà: quale futuro”, organizzato dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord, guidato da Antonio Tuccillo.

“L’obiettivo – spiega Pagliuca – è fare sì che la forza del gruppo possa preservare l’esigenza del singolo: un fondo di garanzia che riguardi tutte le casse previdenziali può avere l’effetto di attenuare le criticità del singolo iscritto o della singola cassa”.

A fargli eco Bruno Miele, vicepresidente Odcec Napoli Nord: “Si discute tanto di precariato, e professioni come quella dei commercialisti non hanno garanzie o scudi che possano essere d’aiuto nei momenti di difficoltà. Dobbiamo ipotizzare provvedimenti concreti per agevolare chi lavora nel nostro settore”.

“In Italia ci sono un milione e mezzo di professionisti e tra questi numerosi necessitano di misure assistenziali – ha sottolineatoPaolo Longoni, consigliere d’amministrazione della Cnpr – Siamo al lavoro su misure che vadano incontro alle fasce più deboli, come le lavoratrici madri, i colleghi che hanno condizioni di malattia di lungo termine o necessità di assistenza domiciliare”.

Secondo Sergio Luciano, coordinatore dei delegati della Campania della Cassa Ragionieri “la questione dei diritti acquisiti è discussa ormai a livello nazionale. Sono ottimista sulla possibilità di raggiungere ottimi risultati per il welfare, cercando in questo modo di raggiungere un equilibrio”.

“L’apertura del ministero del Lavoro – ha sottolineato Roberto Mario Bianco, delegato della Cnpr -, rappresenta una novità molto importante: diversi colleghi incontrano difficoltà nello svolgimento dell’attività quotidiana e varie forme di assistenza possono essere importanti per una categoria priva di ammortizzatori sociali”.

In conclusione, Giuseppe Vitagliano, delegato Cnpadc e consigliere Odcec Napoli Nord, ha sottolineato come “l’obiettivo sia quello di trovare misure concrete sempre più evolute per sostenere i settori deboli della nostra popolazione assistita”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Boston Consulting: camion Ue in ritardo su transizione elettrica

Rischio di perdere fino all'11% del mercato dell'Unione Milano, 28 set. (askanews) – I produttori di camion europei potrebbero perdere fino all'11% del mercato Ue entro il 2035, a vantaggio dei competitori internazionali che stanno investendo con più determinazione sui mezzi pesanti a zero emissioni. Questo è uno dei possibili scenari che emergono da uno

Nadef, da conferma taglio cuneo sul lavoro nel 2024 a sostegno a famiglie: l’ok del Cdm

(Adnkronos) - Conferma del taglio al cuneo fiscale sul lavoro anche nel 2024; prima fase della riforma fiscale; sostegno alle famiglie e alla genitorialità; prosecuzione dei rinnovi contrattuali del pubblico impiego, anche con particolare riferimento alla sanità; conferma degli investimenti pubblici, con priorità a quelli del Pnrr; rifinanziamento delle politiche invariate. Sono questi gli interventi

Migranti, oggi il Consiglio Ue: i temi sul tavolo

(Adnkronos) - Sui migranti oggi il Consiglio dell'Unione Europea. Il Consiglio Affari Interni che si riunirà a Bruxelles si focalizzerà sulla "dimensione esterna delle migrazioni", quella sulla quale in genere gli Stati membri dell'Ue sono meno in disaccordo, e anche, tra l'altro, della situazione sull'isola di Lampedusa. Intanto l'Unione Europea, per dirla con il presidente