Leva obbligatoria, Salvini: “La reintrodurrei”. Difesa: “Pensiamo al futuro, non al passato”

Matteo Salvini torna torna alla carica sull’idea della leva obbligatoria . “Io reintrodurrei anche il servizio militare”, magari per gli Alpini. Queste le parole del ministro dell’Interno e vicepremier, in vacanza con i figli a a Pinzolo, in provincia di Trento.  Parole che portano subito a una risposta da parte del ministero della Difesa. “Pensiamo al futuro, non al passato e, del resto, il ministro Trenta è già stato molto chiaro: il ritorno alla leva obbligatoria è un’idea romantica ma inapplicabile, visto che le dinamiche sono cambiate e oggi il Paese vanta dei professionisti tra le forze armate”, hanno dichiarato fonti della Difesa. A intervenire nel dibattito anche l’ex ministra della Difesa, Roberta Pinotti. La senatrice Pd, su Facebook, scrive un post intitolato Da Salvini stupidaggini su leva obbligatoria. “Salvini oggi si mette la felpa degli alpini – scrive – e rilancia il tema della leva obbligatoria (solo per gli alpini pare). Dal ministero della Difesa rispondono che non si può fare. Ha ragione la Difesa perché oggi la difesa della Patria, che si esplicita in particolare nelle missioni all’estero e nella lotta al terrorismo, ha bisogno di professionalità che non possono realizzarsi con un tempo limitato di formazione”. “Il tema – continua – invece di un impegno di tutti i ragazzi e le ragazze in un servizio civile obbligatorio, che io immagino europeo, con una formazione sulla Costituzione e sui valori fondamentali dell’Europa e della nostra comunità, e una formazione specifica su quello su cui i ragazzi potrebbero impegnarsi (ambiente, sociale e cultura), è invece un progetto che ritengo qualificante e importante per le prospettive del nostro Paese e dell’Europa. Dev’essereun servizio che arricchisce i giovani, non in contrasto con i loro percorsi di vita, e che dia un senso condiviso dell’essere comunità. Su questo oggi sarebbe importante lavorare invece di lanciare slogan inattuabili e propagandistici”.  Su Twitter il capogruppo M5S alla Camera, Francesco D’Uva: “Calma e sangue freddo. Non ‘spariamola’ ogni giorno… Leva obbligatoria? Non c’è nulla da discutere: non si torna indietro. Andiamo avanti con il contratto realizzando tutti punti. E facciamolo in maniera costruttiva, senza deludere la fiducia degli italiani”. 

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni

(Adnkronos) - Domenica 3 marzo a San Patrignano (RN) alle ore 10, una grande convention per tracciare il futuro della sostenibilità e del benessere dei luoghi in cui viviamo. Claudio Balestri fondatore e presidente di 'Oikos - la pittura ecologica dal 1984' racconterà i 40 anni di attività che hanno cambiato il mercato della decorazione

Denis Verdini torna in carcere a Firenze, revocati arresti domiciliari

(Adnkronos) - Denis Verdini lascia gli arresti domiciliari e torna in carcere. L'ex parlamentare di Forza Italia non è più in detenzione domiciliare nella sua villa di Firenze. Questa mattina agenti della polizia hanno infatti dato esecuzione a un'ordinanza del Tribunale di sorveglianza del capoluogo toscano e lo hanno condotto nel carcere fiorentino di Sollicciano.

Elezioni Sardegna, Truzzu: “Sconfitta mia responsabilità. Cagliari ha votato contro di me”

(Adnkronos) - ''A Cagliari mi pare che ci sia stato più un voto contro di me che per Todde''. Così il candidato del centrodestra Paolo Truzzu in conferenza stampa dopo la sconfitta alle regionali in Sardegna di cui si è assunto la responsabilità: "E' del sottoscritto e di nessun altro".  Con il 45,3% Alessandra Todde