Fisco, via sanzioni e interessi

Le parole di Nicola Calandrini: «Il cambio di passo è rimasto sulla carta. Ci aspettavamo molto di piĂą da questo Esecutivo che invece ricalca il governo Conte. Pensiamo che il debito che ogni contribuente ha deve essere sostenibile, non può diventare un macigno in un momento storico come questo. La nostra proposta è quella di ricostruire l’intero debito fiscale arretrato, abbattere le sanzioni e gli interessi, e fare una rateizzazione con un piano di ammortamento che possa andare avanti piĂą anni. Non ci siamo rispetto a quello che è il problema delle imprese italiane. Guardiamo ciò che fanno i nostri partner europei che aiutano le loro aziende coprendo i costi fissi, come utenze, canoni di locazione e mutui. Noi invece stiamo tornando indietro perchĂ© abbiamo anche eliminato il credito di imposta al 60% sui canoni di locazione».

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele e Ucraina, Erdogan scrive al Papa: “Insieme per la pace, alziamo la voce”

(Adnkronos) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha scritto a "Sua SantitĂ  Papa Francesco, Guida Spirituale del Mondo Cattolico" per sottolineare la necessitĂ  che "la comunitĂ  internazionale agisca in cooperazione e coordinamento" per "le sfide che dobbiamo affrontare". Tra queste, Erdogan ha citato "in particolare gli attacchi indiscriminati israeliani a Gaza, dove si muore

Lotito: “Luis Alberto ha un contratto con la Lazio, non va via gratis”

(Adnkronos) - "Luis Alberto? Probabilmente vuole andare via gratis. E invece no, ha un contratto di quattro anni, è un tesserato. Porti lui la squadra" che lo vuole. Risponde così all'Adnkronos il presidente della Lazio, Claudio Lotito, sulle dichiarazioni di ieri del giocatore che alla fine del match contro la Salernitana, vinto 4-1 dai biancazzurri

“Ringraziate l’ammazza orsi”, danni per 60mila euro alla vigna dei familiari di Fugatti

(Adnkronos) - Distrutte un centinaio di viti per un danno, non assicurato, da 60mila euro come rappresaglia nei confronti del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e della sua politica sull'abbattimento degli orsi.  E' l'azione messa in atto da un gruppo di attivisti nei confronti dei familiari di Fugatti, proprietari delle piante del