Spendere 60 mld all’anno

L’opinione di Roberto Morassut: «Transizione energetica, nuove opere pubbliche, interventi sulle reti e sui servizi socio-sanitari. Servono norme che ci consentano di vincere questa sfida per cogliere gli obiettivi europei e per cambiare volto all’Italia. Dobbiamo farci trovare pronti a spendere 60 miliardi l’anno, per sei anni, che arriveranno dall’Europa. Per questo l’approvazione del prossimo decreto Semplificazioni sarà determinante. Accanto a questo stiamo svolgendo un lavoro fondamentale per varare la legge di riforma costituzionale per equiparare il comune di Roma a una regione. Norma che consentirà alla città di avere poteri autonomi legislativi e finanziari e che potrà trasformare i Municipi in comuni urbani. Una strutturazione del sistema urbano che potrà consentire alla Capitale di fare il salto di qualità».

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Miccichè: “L’auto blu per il gatto? Stava malissimo ed è morto”

(Adnkronos) - "Non ho fatto un uso illegittimo dell'auto blu. Ne sono convinto. Se poi mi contestano il fatto di avere fatto accompagnare il mio gatto dal veterinario perché stava malissimo, allora sono disposto ad andare in carcere. Il mio gatto viveva in simbiosi con me, Quando stava male mia figlia mi disse di mandarle

Decaro e il video virale, quando la comunicazione politica funziona

(Adnkronos) - Un video può diventare più efficace di tanti comizi. Succede, come nel caso di Antonio Decaro e del suo post su TikTok per le elezioni europee diventato rapidamente virale, quando la comunicazione politica riesce a rispondere a una domanda semplice: come posso far capire a più persone possibile quello che voglio dire? Nel

Europee, da riforme a lavoro: a Trento il duello (mancato) tra Meloni e Schlein

(Adnkronos) - Il duello mancato in tv oggi si è riproposto come sfida a distanza al Festival dell'Economia di Trento dove Giorgia Meloni ed Elly Schlein si sono alternate, a stretto giro nel pomeriggio, sul palco della manifestazione. La forma è meno intensa e 'spettacolare' rispetto a quella del faccia a faccia, ma il botta