Genitori grazie alla donazione: se, come e quando raccontarlo al figlio

ROMA – La fecondazione assistita eterologa apre la possibilità a molte coppie affette da infertilità e sterilità di realizzare il sogno di genitorialità. Si potrebbe pensare che molte di loro abbiano vissuto e vivano questa opportunità quasi con sollievo, ma la questione non è così semplice. La decisione di ricorrere alla donazione di gameti maschili, femminili o di entrambi i partner, è, al contrario, molto complessa, specialmente dal punto di vista emotivo. Alcune preoccupazioni persistono per tutto il percorso e anche dopo la nascita del bambino, e sono condivise da gran parte delle coppie. Una tra queste riguarda il dubbio sul se e come raccontare al proprio figlio come è nato.“Mi capita molto spesso di aiutare coppie che si trovano ad affrontare il delicato percorso che le porterà a raccontare al figlio come è venuto al mondo. Molti sono i dubbi espressi ancora prima di iniziare il percorso, a partire dall’obbligatorietà o meno di comunicare al figlio la loro scelta. Un primo passaggio fondamentale è dare alle coppie informazioni corrette. Il paragone con il percorso adottivo – per il quale vi è una normativa che impone ai genitori adottivi di informare il bambino – viene spontaneo. Per il percorso di fecondazione assistita eterologa non vi è, invece, una legge. Pertanto, i genitori hanno la facoltà di scegliere. Alleggeriti dalla notizia che non vi è un vincolo normativo, le coppie desiderano comunque sapere cosa è meglio per se stessi, per il figlio e per il proprio progetto di famiglia. La libertà di poter scegliere, infatti, fa emergere il senso di responsabilità di ‘fare la cosa giusta’” spiega la dottoressa Zucchetta, psicologa-psicoterapeuta esperta in tematiche di infertilità di coppia e Procreazione Medicalmente Assistita di Clinica Eugin.I dubbi riguardano poi il timore che, svelando il ricorso alla donazione dei gameti, si possa essere rifiutati dai figli, perdere la loro fiducia e inserire nella loro vita un elemento di incertezza e stress capace di alterare il loro equilibrio psicologico. I timori riguardano anche l’inevitabile reazione dell’ambiente esterno che, magari proprio tramite il figlio, verrebbe a sapere delle sue origini.

IL RUOLO GENITORIALE NON VIENE SANCITO ESCLUSIVAMENTE DALLA TRASMISSIONE DEL PATRIMONIO GENETICO – I dubbi espressi dalle coppie confermano l’idea che la trasmissione del patrimonio genetico sia l’elemento principale che legittima e sancisce il ruolo genitoriale. Fondamentale, dunque, è spiegare alla coppia come la reale genitorialità si esprima invece nel rapporto che si instaura nel tempo con il bambino e come il “sentirsi genitori” nasca già quando si è condiviso questo desiderio.Lo stesso vale per il figlio che, a prescindere dalla genetica, acquisisce caratteristiche, somiglianze e personalità che dipendono dall’ambiente in cui è cresciuto, dalle abitudini, dagli stili di vita e dagli stimoli ricevuti nel tempo, a partire già dai nove mesi di gravidanza.Il percorso medicalizzato ha condizionato le coppie a confrontarsi con gli aspetti scientifici della fertilità, ma è bene ricordare che la scelta di intraprendere una fecondazione eterologa, la scelta più profondamente umana, non è dettata solo da diagnosi e accertamenti, ma da un progetto di coppia, da una radicata scelta d’amore, di accogliere e crescere il loro bambino. Ed è questo che ciascun figlio desidera ascoltare dai propri genitori: sentirsi voluto, desiderato e immaginato.Come e quando comunicare al bambino la modalità di concepimentoQuando una coppia acquisisce consapevolezza sui concetti sopra esposti, può essere più propensa a comunicare con serenità al proprio figlio le modalità di concepimento. In questo caso è utile seguire alcune indicazioni:

Il periodo anagrafico più indicato è attorno ai 4-5 anni, da questa fase può partire un dialogo che accompagna tutta la crescita del bambino;Per non sentirsi soli ma supportati nella comunicazione, è possibile ricorrere a un consulto psicologico o ricorrere al copioso materiale disponibile sul tema, quali favole, racconti e libri interattivi, con parole, immagini e argomenti adatti al periodo evolutivo.

NON SVELARE LA MODALITÀ DI CONCEPIMENTO: UNA SCELTA E NON UN SEGRETO – La coppia che decide di evitare di comunicare il ricorso alla fecondazione eterologa al bambino e a chi la circonda – genitori, parenti, amici – potrà trovare un confronto e supporto nella consulenza psicologica, anche in termini di accordo fra i partner. L’aspetto fondamentale è non trattare questa decisione in termini di segreto, ma solo di scelta. Il segreto, nella sua accezione negativa, rivela infatti una discrepanza, una distanza emotiva fra la scelta fatta e la preoccupazione che questa possa uscire allo scoperto, suscitando il timore di un giudizio esterno. Considerare la cosa un segreto potrebbe essere sintomo del fatto di non essere ancora pienamente convinti, di non avere concluso il percorso di accettazione, che la motivazione non è ancora pienamente sentita come propria, profonda e consapevole. In questo caso, sarebbe piuttosto utile fermarsi e darsi uno spazio di ulteriore riflessione. Il segreto, Infatti, accompagnerebbe per tutta la vita i futuri genitori, nell’intento di non far trapelare per nessun motivo neppure l’argomento in generale, cosa angosciante e spesso impossibile, non fosse altro che è possibile ritrovarlo in un articolo, in un libro, in una richiesta di opinione sull’argomento, magari da parte del figlio.

I TIMORI DELLA COPPIA ALL’INIZIO DEL PERCORSO DI FECONDAZIONE ASSISTITA ETEROLOGA – Il percorso di fecondazione assistita eterologa e la scelta o meno di aderirvi proietta la coppia già in un futuro possibile, concreto. Non sempre, però, la coppia si sente di affrontare l’argomento, per il timore di precorrere i tempi, di dare così per scontato che avranno certamente un figlio da questo percorso. “Il mio invito è invece quello di legittimare che anche questo tema, sconosciuto e complesso, accompagni sempre il percorso decisionale e sia un sereno oggetto di confronto e informazione, sia a livello medico che psicologico” conclude la dottoressa Zucchetta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Scala, Meyer a Sgarbi: non mi sono mai sentito straniero

Sovrintendente: "Parole sottosegretario mi fanno pena" Milano, 7 dic. (askanews) - "Sono in Italia da trent'anni e la prima volta che sono venuto...

Volodymyr Zelensky eletto persona dell’anno dal Time 2022

Foto Twitter ROMA - Dopo il Financial Times, oggi anche il Time ha insignito Volodymyr Zelensky del titolo di 'Persona dell'anno', la scelta, fatta dai...

La linea D di Roma risorge: nel 2023 project review e cantieri per Tva e tram

La linea D di Roma è pronta a risorgere. La quarta metropolitana della Capitale nel 2023 sarà riprogettata in vista di una richiesta di...