Investimenti Casse, spiragli alla disciplina

La disciplina sugli investimenti degli Enti previdenziali (regolamento previsto dall’art. 14, comma 3, del decreto 98/2011, e mai emanato) potrebbe spuntare tra le pieghe del decreto crescita, appena varato dal Consiglio dei ministri. E, nel corso dei lavori parlamentari, è possibile venga pure effettuato un «restyling» della norma che subordina il godimento delle agevolazioni fiscali per le Casse dei professionisti all’impiego di «almeno il 3,5% degli attivi in quote, o azioni di fondi per il venture capitai».Non sarebbero, dunque, rimaste inascoltate, a quanto apprende ItaliaOggi, le critiche del mondo della previdenza privata all’articolo 13-bis del testo (voluto dal M5s) che, in nome del sostegno all’economia reale del Paese, spingerebbe a immettere risorse in segmenti «tendenzialmente rischiosi ed illiquidi»: fonti della Lega segnalano, infatti, di voler procedere ad un allentamento del «vincolo». E che c’è l’intenzione di cogliere l’occasione per inserire nel provvedimento il regolamento sugli investimenti, dialogando preventivamente con gli Enti, per individuare strade condivise. Nel frattempo, va verso la conclusione il tavolo aperto al ministero del Lavoro per risollevare l’Inpgi (l’Istituto pensionistico dei giornalisti, che affronta una dura crisi finanziaria, per effetto di quella del settore editoriale): una riunione tecnica si terrà lunedì, con la presidente Marina Macelloni, una delegazione dell’Ade?? (l’Associazione delle Casse), membri della Ragioneria generale dello Stato e del dicastero dell’Economia, mentre pochi giorni dopo si terrà l’altro incontro (cui parteciperà il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi) che dovrebbe delineare il percorso da seguire. «È escluso il commissariamento», ripete il sottosegretario di via Veneto Claudio Durigon, ma avverte che misure «incisive» che abbiano effetto sui conti dell’Inpgi, oltre alla riproposizione nel decreto crescita della norma per l’allargamento ai comunicatori della platea degli iscritti (si veda ItaliaOggi dell’8 marzo 2019), andranno adottate.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, La Russa: “Teniamo alti i valori della democrazia, della libertà e della sovranità della Patria”

ROMA - "Buona festa della Repubblica", dice il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ai cronisti. Suona l'inno di Mameli, cantano i militari schierati e le tante persone che affollano piazza Venezia. Le massime autorità della Repubblica portano il loro saluto al Milite Ignoto. È il preludio alla consueta parata del 2 giugno con cui

Festa della Repubblica: Mattarella all’Altare della Patria, la parata ai Fori Imperiali e le Frecce Tricolori

Oltre al ministro della Difesa, presenti le più alte cariche dello Stato, da Meloni ai presidenti delle Camere Roma, 2 giu. (askanews) – Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 77esimo anniversario della Repubblica, ha reso omaggio al Monumento del Milite Ignoto all'Altare della Patria e ha assistito alla Parata ai Fori Imperiali.

Usa, il Senato approva la legge per sbloccare lo stallo sul tetto del debito ed evitare il default

Accordo fiscale tra la Casa Bianca e i repubblicani del Congresso Roma, 1 giu. (askanews) – Il Senato degli Stati Uniti ha approvato un accordo fiscale tra la Casa Bianca e i repubblicani del Congresso, ponendo fine a una situazione di stallo politico durata settimane sul tetto del debito che rischiava di innescare un default